In carcere per spaccio di cocaina, arresto annullato per 57enne di Formia

Si é celebrata venerdì mattina, davanti al Gip del Tribunale di Cassino Domenico Di Croce, l’udienza di convalida dell’arresto a carico di I.A., un 57enne di Formia finito in manette lo scorso 7 settembre per spaccio di droga: i carabinieri del Norm lo avevano trovato in possesso di 11 grammi di cocaina già suddivisa in dosi, oltre che di circa 2mila euro in contanti.

Nel corso dell’udienza l’avvocato Pasquale Cardillo Cupo, difensore dell’indagato, ha eccepito e gravemente censurato l’operato dei militari. Dopo il fermo, ha detto, i carabinieri hanno impedito che l’uomo potesse colloquiare con lui. “Per ben due volte e nonostante un’attesa di circa 30 minuti all’interno della caserma”. Circostanza che ha poi visto il legale pretendere che il rifiuto del colloquio difensivo venisse messo nero su bianco sul registro.


Un’annotazione oggi consegnata al giudice, che ha quindi deciso di annullare l’arresto e tutti gli atti ad esso consequenziali. Di seguito, il dottor Di Croce ha quindi ordinato l’immediata rimessione in libertà del 57enne, che nel frattempo era stato ristretto nel carcere di Rieti.

“Certi abusi sono intollerabili in uno stato di diritto, il rispetto delle norme e delle regole vale per tutti”, il commento di Cardillo Cupo. “Certamente un provvedimento questo destinato a fare giurisprudenza”.