Sicurezza in mare e sugli arenili, l’attività della Guardia Costiera di Gaeta

Nella giornata di oggi a Gianola un bambino è stato morso da un cane di grossa taglia mentre era in spiaggia

L’ultimo weekend di agosto è trascorso senza particolari criticità sulle spiagge e nelle acque del Sud Lazio.

La Capitaneria di porto-Guardia Costiera di Gaeta ha predisposto il consueto dispositivo di pattuglie terrestri dedicate ed unità navali, soprattutto a scopo preventivo per garantire la sicurezza delle attività balneari e della navigazione, anche in considerazione delle condizioni meteomarine variabili che hanno caratterizzato il fine settimana.


Non vi sono stati episodi di rilievo, ma numerose sono state le richieste di assistenza da parte di alcuni diportisti in difficoltà a causa del vento e dello stato del mare, prontamente assistiti per far rientro presso i propri ormeggi in modo sicuro.

Nell’ambito dei controlli effettuati per contrastare gli abusi sul demanio marittimo, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria 2 soggetti, titolari di convenzione con il Comune di Gaeta per i servizi di fornitura di attrezzature da spiaggia, che in zona Serapo avevano illecitamente occupato circa 500 mq. di arenile pubblico, sottraendolo di fatto alla libera e gratuità fruibilità. Il materiale balneare rimosso, un centinaio di attrezzature tra ombrelloni e sdraio, è stato sottoposto a sequestro penale, prontamente convalidato dall’Autorità Giudiziaria di Cassino.

Nella mattinata odierna, invece, i militari dell’Ufficio Locale Marittimo di Formia sono intervenuti in località Gianola dove un bambino di 9 anni era stato morso alla parte superiore della coscia destra da un cane di grossa taglia, assicurato tramite guinzaglio ad un ombrellone ma senza museruola. Per il piccolo si sono rese necessarie le cure mediche presso il Pronto Soccorso di Formia a causa della ferita riportata. Nei confronti del proprietario dell’animale, che verrà deferito all’Autorità Giudiziaria competente, è stato intanto elevato un verbale amministrativo da 200 euro per inosservanza delle norme in materia di accesso, permanenza e custodia degli animali sulle spiagge, previste anche dall’Ordinanza Balneare del Comune di Formia.

Per questi ultimi giorni della stagione estiva, si ricorda che è attivo su tutto il territorio nazionale il numero per le emergenze in mare 1530, oppure è possibile consultare il sito istituzionale della Guardia Costiera www.guardiacostiera.it per contattare i Comandi territoriali o reperire informazioni utili.