Elezioni Sperlonga, prove tecniche d’alleanza anti-Cusani

Il dottor Viola

“Sono passate 48 ore dalla proposta che abbiamo presentato al candidato Vincenzo Viola per la presentazione di una lista comune alle prossime elezioni amministrative e non abbiamo ancora ricevuto una risposta”.

Parole proferite domenica dal gruppo consiliare Sperlonga Cambia, il cui candidato allo scranno di primo cittadino, il leader dell’opposizione uscente Marco Toscano, a pochi giorni dalla consegna delle liste si è detto pronto a un passo indietro per convergere sul nome dell’altro candidato alla fascia tricolore, il dottor Viola. Si tenta di fare fronte comune contro il grande favorito, Armando Cusani, già primo cittadino per tre mandati.


Armando Cusani

“La nostra proposta è chiara, lineare, fondata sulla parità delle due componenti che andranno a comporre la lista unitaria, con il passo indietro del nostro candidato alla carica di sindaco, che dimostra la grande generosità e il senso di responsabilità della nostra coalizione. L’ennesimo sacrificio, non facile, fatto per l’amore incondizionato che nutriamo per Sperlonga. L’ennesima dimostrazione di maturità e di responsabilità politica. Noi abbiamo fatto la nostra parte, tendendo la mano, ma ponendo delle condizioni che garantiscano equità, equilibrio e dignità alla possibile lista unitaria”. In poche parole: i candidati dovranno essere rappresentativi di entrambe le forze, sei aspiranti consiglieri a testa.

Marco Toscano

“Ora – continuano da Sperlonga Cambia – è il momento che altri si assumano le proprie responsabilità, senza altri ritardi e senza trucchi, con una risposta chiara e decisa. I tempi sono stretti, la scadenza per la presentazione delle liste è imminente. Un ulteriore ritardo non è accettabile per Sperlonga e per la nostra comunità. È il momento di prendere delle decisioni importanti per il futuro di Sperlonga e di assumersi ciascuno la responsabilità dei propri comportamenti”. Un pressing che finora non ha trovato risposte.