Addio dei cappuccini a San Francesco, la Curia: decisione dei frati

Sulla vicenda dell’addio dei cappuccini alla chiesa di San Francesco, a Latina, dopo che da mezzo secolo guidano quella comunità, interviene la Curia di Latina.

L’iniziativa di lasciare Latina e la parrocchia di San Francesco d’Assisi – fanno sapere dalla Curia – è stata adottata in totale autonomia dai Frati Minori Cappuccini della Provincia Serafica Immacolata Concezione, nell’ambito di una loro riorganizzazione dei conventi nei territori in cui sono presenti.


Dal momento in cui i Frati hanno comunicato la loro decisione, la Diocesi si è immediatamente attivata, per quanto di sua competenza, poiché ha l’unico interesse di subentrare nella cura della Parrocchia così da assicurare il servizio pastorale alla comunità senza interruzioni.

A tale scopo, lo scorso giugno è stato già nominato il prossimo Parroco, il quale prenderà possesso dell’Ufficio quando i cappuccini comunicheranno la data effettiva della loro partenza.

In particolare, il 18 giugno scorso la nomina è stata annunciata al clero diocesano e nella stessa giornata il vescovo Mariano Crociata ha incontrato la comunità parrocchiale cui ha spiegato le motivazioni dell’avvicendamento.

Circa i passaggi dell’articolo relativi ai beni immobili della parrocchia è opportuno ribadire che questi aspetti sono in corso di definizione tra i superiori della Provincia religiosa dei Frati Cappuccini e della Diocesi pontina.

In ogni caso, la Diocesi non dimentica che tutto quanto è stato realizzato nel corso degli oltre 50 anni di storia a Latina lo si deve anche al generoso contributo dei fedeli della città di Latina.