Rula Jebreal e Andrea Purgatori ospiti a “Libri sulla cresta dell’onda”

Dopo lo straordinario incontro di Formia con Alberto Angela, la rassegna letteraria Libri sulla cresta dell’onda approda a Gaeta sul suggestivo sagrato della Chiesa della Santissima Annunziata.

Il secondo appuntamento della XXVIII edizione vedrà protagonisti due giornalisti internazionali di grande prestigio.


Rula Jebreal, nata a Haifa, è giornalista, scrittrice e docente universitaria. Arriva in Italia nel 1994 grazie a una borsa di studio del governo Ciampi.

Attualmente vive tra New York e Miami dove tiene il corso universitario “Persuasione, propaganda e genocidi” alla Political Science and Comunication School. Collabora con testate internazionali quali il Washington Post, il New York Time e con reti televisive. Da sempre attiva in favore dei diritti umani, nel 2019 è stata designata dal Presidente Emmanuel Macron consigliera per la parità di genere per il G7. Ha ricevuto per il suo lavoro importanti riconoscimenti in Italia, negli Stati Uniti e in Medioriente. Miral è il suo primo romanzo tradotto in otto lingue e dal quale è tratto l’omonimo film di Julian Schnabel, seguono La sposa di Assuan e Divieto di soggiorno. Nel 2020 pronuncia sul palco del Teatro Ariston di Sanremo un toccante monologo raccontando la storia di sua madre. Sull’onda di quell’emozione e delle reazioni suscitate nasce il suo ultimo libro che narra di lei e di tante donne coraggiose.Il cambiamento che meritiamo (Longanesi) è un manifesto che chiama a prendere posizione ogni giorno iniziando dalla consapevolezza delle parole pronunciate:

“Io amo le parole. Ho imparato, venendo da un luogo di guerra, a credere che le parole giuste, le domande giuste e il peso che comportano possano ispirare le persone a combattere per il proprio futuro, possano spingerle verso il cambiamento e guidarle nei momenti di crisi. Le parole innescano una luce di speranza che arriverà sempre a squarciare l’ oscurità.”
Andrea Purgatori è uno dei più importanti giornalisti investigativi italiani. Inviato del Corriere della Sera dal 1976, in Iraq, Iran, Algeria, si è occupato di terrorismo nazionale e internazionale

come il rapimento di Aldo Moro e la strage di Ustica, e di delitti di mafia Sceneggiatore di successo di film quali Il muro di gomma, Il giudice ragazzino, L’industriale, scrive anche per il teatro, la televisione e ha recitato come attore in diverse produzioni. Ha collaborato con L’Unità, Le Monde Diplomatique, Vanity Fair e Huffington Post. Per le sue molteplici attività ha ricevuto numerosissimi premi. Dal 2017 conduce su La7 la trasmissione Atlantide, tra le più amate dal pubblico e premiate dalla critica. Nel 2019 pubblica il suo primo romanzo Quattro piccole ostriche ( HarperCollins), una storia appassionante: spie, dossier segreti, caduta del muro di Berlino, un agente del KGB destinato a diventare presidente della Russia.. “Un romanzo bellissimo e malinconico. Andrea Purgatori è il John le Carré italiano” (Antonio D’Orrico – Il Corriere della Sera). A novembre arriverà nelle librerie La porta segreta dei santi, un’altra avvincente spy story molto attesa dai lettori.