Atti sulla Coppa del Mondo di Canottaggio, associazioni in Comune

“Lo scorso mese di Aprile, le Associazioni Città Nuova e Scegli Sabaudia avevano presentato al Sindaco Gervasi e al Segretario Generale del Comune specifica domanda di accesso civico generalizzato per conoscere la composizione del Comitato Sabaudia MMXX, l’ammontare dei fondi pubblici ricevuti dall’Organismo per organizzare la Prova di Coppa del Mondo di canottaggio, svolta di recente, e le procedure seguite per approvvigionare, con tali risorse finanziarie, i beni e i servizi necessari al perseguimento dello scopo per il quale il Comitato è stato a suo tempo costituito dall’Amministrazione comunale.

A seguito di incontro istruttorio intercorso tra il Segretario Generale del Comune, il Capo Settore Affari Sportivi e Istruzione e i Presidenti delle due Associazioni, Alberto Mosca e Mimmo D’Amico, è stata riscontrata la non agevole reperibilità, sul sito web del Comitato Sabaudia MMXX, dei dati d’interesse. Pertanto, l’Amministrazione comunale, con lettera a firma del medesimo Capo Settore, ha chiesto al Comitato di procedere alla revisione del sito per consentire a ogni cittadino interessato di accedere alle notizie riguardanti i vari aspetti di natura soggettiva, oggettiva e finanziaria connessi alle attività svolte dal particolare Organismo per strutturare l’evento sportivo sulle acque del Lago di Paola.

La lettera del Comune, in sostanza, accoglie la domanda di accesso presentata da Città Nuova e Scegli Sabaudia e riconosce la legittimità della istanza, evidenziando nel contempo che la trasparenza è un obbligo da perseguire e un valore comunque da conseguire di fronte alla collettività.

Le due Associazioni, soddisfatte dell’esito della iniziativa da loro assunta nel generale interesse dei cittadini, ora monitoreranno il sito web del Comitato Sabaudia MMXX, per verificare che quanto disposto dall’Amministrazione comunale attraverso il Capo Settore competente trovi piena attuazione, riservandosi eventuali, ulteriori azioni qualora la revisione e l’aggiornamento del sito non dovessero risultare rispondenti ai criteri di trasparenza e completezza chiesti dal Comune.