Stabilizzazione personale Consorzio di Bonifica, Fondi Vera: “Irrispettoso no a mozione”

Stabilizzazione personale Consorzio di Bonifica, Fondi Vera: “Irrispettoso no a mozione”

Si fatica ancora a trovare giustificazioni plausibili alla decisione della maggioranza che sostiene il sindaco Maschietto di bocciare la mozione a sostegno del personale part time del Consorzio di Bonifica. Scegliere di non approvare un documento che ne sostenesse istituzionalmente una doverosa e giusta stabilizzazione nei confronti della Regione Lazio e del Commissario Sonia Ricci rappresenta una posizione irrispettosa della situazione di disagio che vivono da troppo tempo. Il diritto al lavoro, la dignità di questi 17 lavoratori, la sopravvivenza delle loro famiglie non hanno evidentemente toccato la sensibilità dei consiglieri comunali di Forza Italia e dei suoi alleati”. A parlare, a margine della bocciatura della mozione in questione nel corso dell’ultimo consiglio, è la civica d’opposizione Fondi Vera, rappresentata nella massima assise da Francesco Ciccone.

“Il Consorzio di Bonifica Sud Pontino di Fondi negli ultimi quindici anni ha dimezzato di oltre il 50% il suo organico per pre-pensionamenti e varie, senza ripristinare nemmeno parzialmente lo stesso, e ciò sta causando anche effetti negativi di turn-over. In carico all’Ente ci sono 17 lavoratori che, a seguito di varie vicende che hanno avuto inizio dal 2002, risultano avere un rapporto di lavoro di soli 9 mesi l’anno. Questi lavoratori e le loro famiglie versano in una situazione di evidente difficoltà, poiché tale rapporto di lavoro non consente loro di percepire alcun reddito per tre mesi l’anno, non avendo diritto all’indennità di disoccupazione riservata ai dipendenti stagionali, né tantomeno di riuscire ad instaurare rapporti di lavoro occasionali rispettosi delle vigenti normative.

Durante i restanti periodi lavorativi dell’anno l’Ente deve erogare ai dipendenti, per il lavoro effettuato oltre l’orario ordinario, le relative maggiorazioni previste dal CCNL, per recuperare l’attività di lavoro rimasta arretrata per i primi tre mesi di ogni anno, rendendo di fatto più onerosa l’attività sia per l’Ente che per tutta la contribuenza. Nel corso degli anni si sono registrati numerosi interventi e determinazioni nei confronti della Regione Lazio finalizzati alla soluzione definitiva di questo problema da parte delle organizzazioni sindacali e di molti partiti politici, tra questi la mozione annovera le azioni poste in essere dai consiglieri regionali Forte e Simeone, come pure le manifestazioni cui Fondi Vera ha partecipato, promosse dalla Filbi Uil, che a marzo ed aprile ha anche scritto all’attenzione del prefetto di Latina Falco, del presidente della Regione Zingaretti, del presidente della Provincia Medici, del sindaco Maschietto”.

La mozione presentata dal capogruppo consiliare di Fondi Vera, Ciccone, mirava ad impegnate l’amministrazione comunale di Fondi nel promuovere e sostenere presso il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, l’assessore all’Agricoltura Enrica Onorati, l’assessore all’Ambiente Roberta Lombardi, le legittime rivendicazioni di questi lavoratori del Consorzio di Bonifica del Sud Pontino, nonché ad adoperarsi affinché il Commissario regionale Sonia Ricci adottasse un’apposita delibera per la stabilizzazione di questi diciassette dipendenti consortili, ponendo finalmente fine ad un’avvilente situazione che crea da decenni non pochi disagi e preoccupazioni a tante famiglie fondane, e non compromettendo ulteriormente le già difficili operazioni di manutenzione e vigilanza sul comprensorio consortile di Fondi, Sperlonga e Monte San Biagio.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]