Sud pontino, oltre un secolo di anni di carcere la richiesta dei Pm per il sistema dello spaccio

Sud pontino, oltre un secolo di anni di carcere la richiesta dei Pm per il sistema dello spaccio

Si è tenuta nel carcere di Rebibbia, nell’aula bunker dinanzi al Gup del Tribunale di Roma il rito abbreviato per alcuni soggetti che a luglio scorso erano finiti in manette a seguito dell’operazione antidroga che si era snodata tra il sud pontino e la Campania.

In quell’operazione, in cui avevano operato oltre 100 militari su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia erano state arrestate 22 persone – quasi tutte in carcere – con l’accusa di aver creato una rete dello spaccio di droga aggravato dal metodo mafioso e vicino al clan Secondigliano. 

Per dieci di questi, sono arrivate le richieste da parte del Pubblico Ministero  che complessivamente ammontano a 111 anni di carcere:

Scotto Domenico, 20 anni

Forte Stefano, 18 anni e 8 mesi

Scotto Raffaele, 18 anni

Prete Amedeo, 17 anni e 4 mesi

Aliberti Michele, 16 anni e 8 mesi

Brancaccio Carmine, 8 anni e 4 mesi

Sarno Valentino, 4 anni

Mallo Massimiliano, 3 anni

Palumbo Walter, 3 anni

e Camerota Diego, 2 anni con attenuanti generiche

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]