Maxi truffa ai danni delle compagnie assicurative, tutto prescritto

Maxi truffa ai danni delle compagnie assicurative, tutto prescritto

Tutto prescritto.

Sono trascorsi cinque anni dal rinvio a giudizio di 45 imputati accusati di essere coinvolti in un maxi raggiro ai danni delle compagnie assicurative, fatto di incidenti falsi o “gonfiati”, di risarcimenti ottenuti grazie ad avvocati, medici e artigiani compiacenti, e di aver dato vita a un vero e proprio sistema, costituendo un’associazione per delinquere.

I reati ipotizzati sarebbero stati tutti consumati tra il 2009 e il 2012, raggirando le compagnie assicurative Rsa e Unipol, per un giro d’affari stimato in 200mila euro.

A giudizio, tra gli altri, erano finiti gli intermediari assicurativi Mirko Temporin e Marcello Noce, di Latina, l’ortopedico Andrzey Rylko, e l’avvocato terracinese Tiziano Ottavi.

Un processo con un esercito di difensori, tra cui gli avvocati Luca Giudetti, Lorenzo Ciurleo, Maria Belli, Stefano Ciapanna e Giovanni Lauretti,  e che prima che terminasse uno degli imputati è deceduto.

Tutto è finito con un proscioglimento per intervenuta prescrizione disposto dal Tribunale di Latina per 44 imputati.

Troppo il tempo trascorso dai fatti.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]