Muore il figlio 29enne, la madre stroncata dal dolore

Muore il figlio 29enne, la madre stroncata dal dolore

Una doppia tragedia in pochi giorni, a colpire la comunità di Fondi: prima la morte del 29enne Matteo Faiola, venuto a mancare per le conseguenze di un contagio da Covid, poi il decesso della madre, stroncata dal dolore. Un dramma a catena che d’un tratto ha spento due esistenze e sconvolto quella della 26enne Marisa, che già aveva perso il padre anni fa ed è rimasta orfana. Oltretutto con gli unici due parenti in vita lontani migliaia di chilometri, l’uno residente nel nord Italia, l’altro in Germania.

Tutto inizia il 21 aprile, quando Matteo Faiola si reca all’ospedale San Giovanni di Dio per via di una forte tosse. Risultando positivo al coronavirus. Il giorno successivo viene ricoverato al Goretti di Latina, poi dato il quadro clinico i medici ne dispongono il trasferimento in un ospedale di Roma. Lo stesso dove viene strappato al mondo il 26 aprile: fatale, un arresto cardiocircolatorio dovuto a un’infezione polmonare causata dal Covid, forse aggravata da patologie pregresse.

Un improvviso lutto che ha avuto ripercussioni soprattutto sulla madre, la 61enne Angela Pennetta: poche ore dopo essere venuta a conoscenza del decesso del figlio, accusa un malore. Il 27 aprile è quindi ricoverata al Dono Svizzero di Formia, dove le diagnosticano una polmonite. E dove è colta da un infarto. A seguire la donna viene trasferita all’ospedale di Sora, venendo raggiunta da un secondo infarto. Un terzo infarto la coglie a margine del ricovero in un ulteriore nosocomio, lo Spaziani di Frosinone. Risultata positiva al tampone effettuato all’accesso nella struttura sanitaria, si trova in un letto del reparto Covid. Muore il 4 maggio: il suo cuore, spezzato dall’afflizione e in condizioni sempre più precarie, non ha retto.

Le esequie di Angela Pennetta e del figlio saranno celebrate nel pomeriggio di lunedì a Sperlonga, all’interno della chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo. Ma la 26enne Marisa non potrà presenziare. Il destino ha continuato ad accanirsi: in isolamento precauzionale da circa 15 giorni, sabato la giovane è risultata positiva al Covid. Ma riuscirà comunque ad assistere ai funerali a distanza, grazie al sostegno di amici e conoscenti, che hanno organizzato un collegamento in diretta a mezzo smartphone. Mentre continua la gara di solidarietà: avviata da una vicina di casa al momento della dipartita del fratello, la raccolta fondi (clicca QUI per contribuire) volta a sostenere spese funebri e necessità impellenti prosegue a maggior ragione dopo la morte della madre.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]