Lite tra giovani del Circeo e di Roma finita in rapina, due condanne

Considerati protagonisti di uno dei tanti scontri che nel periodo estivo si verificano a San Felice Circeo tra giovani del posto e coetanei romani in vacanza e accusati di aver rapinato in quell’occasione un portafogli, un 23enne e un 24enne sono stati condannati dal Tribunale di Latina a due anni e tre mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena.

I fatti risalgono al mese di agosto del 2017.


Un gruppo di giovani del Circeo si accapigliò con un gruppo di ragazzi romani.

Avevano tutti tra i 17 e i 20 anni.

Una lite esplosa in piazzetta, nel centro storico, e proseguita poi in piazza Kennedy. In piena notte.

Sempre, a quanto pare, per qualche parola di troppo.

Uno dei ragazzi romani venne colpito con un sasso al volto e un altro venne rapinato del portafogli.

Finirono indagati e poi imputati Alessandro Bravo e Andrea Perciballe, entrambi di San Felice.

Nel corso del processo l’accusa di lesioni è caduta.

Per quanto riguarda la rapina, nonostante la contraddittorietà di alcune testimonianze, il 23enne e il 24enne sono stati però condannati, seppure a una pena inferiore rispetto ai tre anni chiesti dal pm Valerio De Luca.

I difensori degli imputati, gli avvocati Lorenzo Ciurleo e De Vito, attendono ora che vengano depositate le motivazioni della sentenza per poi ricorrere in appello.