L’opposizione chiede le dimissioni del presidente del consiglio comunale

Il presidente del consiglio comunale non rappresenta la minoranza come era stato affermato all’inizio e quindi i consiglieri di opposizione chiedono le dimissioni di Giulio Mastrobattista. La richiesta è sottoscritta dai consiglieri:  Cardinale Franco, Ciccone Francesco, Lippa Tiziana, Parisella Luigi, Venditti Salvatore, Vocella Luigi.

“Con l’approvazione del bilancio di previsione – si legge nella nota- atto politico per eccellenza, il Presidente del Consiglio Comunale Giulio Mastrobattista è ufficialmente entrato nella maggioranza Maschietto.  Lo abbiamo detto il 24 ottobre e lo abbiamo ribadito in altre occasioni. Mercoledì abbiamo avuto la conferma. Nella seduta d’insediamento del Consiglio Comunale il capogruppo di Forza Italia propose di ‘dare la Presidenza a un rappresentante oggi dell’opposizione’.


Probabilmente il consigliere Mattei, specificando che “oggi” (il 24 ottobre 2020) il Presidente del Consiglio Comunale da loro indicato era un membro dell’opposizione, sapeva già che Mastrobattista sarebbe entrato in maggioranza.  Già nella seduta di insediamento, infatti, nessun rappresentante dell’opposizione sostenne l’indicazione giunta dai banchi di maggioranza, proprio perchè mai concordata, e segnale evidente di un imminente “salto in maggioranza” dell’intransigente Mastrobattista.

Alla luce di tutto ciò, chiediamo all’avv. Giulio Mastrobattista di rassegnare le proprie dimissioni in quanto non ha mai rappresentato, ora ufficialmente non rappresenta, l’opposizione consiliare.  Se, come crediamo, l’avvocato non ha alcuna intenzione di lasciare la poltrona, chiediamo alla maggioranza “pigliatutto” di concedere almeno una delle due vice presidenze – come è sempre stato fatto per prassi e garbo istituzionale – alla minoranza consiliare, per garantire la presenza di quest’ultima nell’ufficio di Presidenza ad oggi monocolore”.