Tragedia del finanziere, aperta un’inchiesta dalla Procura di Cassino

Tragedia del finanziere, aperta un’inchiesta dalla Procura di Cassino

Aperta dalla Procura della Repubblica di Cassino un’inchiesta sul finanziere deceduto a Formia, a 48 ore di distanza dalla somministrazione del vaccino AstraZeneca.

Il sostituto procuratore Maria Beatrice Siravo ha aperto un fascicolo contro ignoti, con l’ipotesi di omicidio colposo, e disposto una consulenza medico-legale per far luce sulla tragedia e stabilire anche un’eventuale correlazione tra la morte del 48enne Raffaele Tramontano, in servizio presso il Centro navale di Formia e residente a Scauri, e la dose del medicinale anglo-svedese.

Un caso seguito da vicino dallo stesso procuratore capo Luciano d’Emmanuele.

Il medicinale è stato somministrato al militare in caserma, il giorno dopo è stato vittima di malessere e dopo 48 ore, recatosi a lavoro, è stato colto da un forte malore.

I colleghi hanno chiesto l’intervento del 118, il 48enne è stato trasportato all’ospedale “Dono Svizzero” di Formia, ma non c’è stato nulla da fare.

I medici ipotizzano che il finanziere sia rimasto vittima di un infarto, ma sarà ora la Procura a dover fare chiarezza sul dramma.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]