Omicidio, lo zio di Romeo: “Poteva salvarsi, soccorsi hanno tardato”

Omicidio, lo zio di Romeo: “Poteva salvarsi, soccorsi hanno tardato”

“Mio nipote poteva salvarsi, i soccorsi hanno tardato e nessuno sapeva come bloccare l’emorragia”. Lo ha dichiarato al Corriere della Sera Salvatore Orsini, lo zio di Bartolomeo ‘Romeo’ Bondanese, il 17enne ucciso martedì da una coltellata nel pieno centro di Formia. Circostanze, quelle relative alle effettive tempistiche di intervento, tutte da verificare e insieme a molte altre ora al vaglio delle autorità inquirenti.

Intanto, il 16enne di Casapulla (Caserta) fermato con l’accusa di omicidio e lesioni gravi – la prima per la morte di Romeo, la seconda per il ferimento del cugino Osvaldo Vellozzi – si trova rinchiuso nel Centro d’accoglienza minorile di via virginia Agnelli, a Roma. Giornata di lutto cittadino, a Formia. Una comunità in stato di choc, per un dramma indicibile.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]