Itri verso il voto e il ritorno dei già sindaci: ecco De Santis

LA NOTA DEL MOVIMENTO DI DE SANTIS


“Lo scenario post pandemia che ci apprestiamo a vivere, non appena sarà conclusa questa triste pagina
dell’umanità non ci lascia più spazio all’esitazione ed all’immobilismo che si è contraddistinto nel nostro
Comune. È giunto il momento di dire basta al fermo politico causato dalle varie faide che hanno origine dai
personalismi e dai capricci dei politici locali.
Gli indirizzi che si è posto alle proprie fondamenta il nostro gruppo, è quello di ricucire il tessuto politico,
sociale ed economico attraverso un programma di rilancio occupazionale che possa coinvolgere tutti gli
operatori del territorio.
Il rilancio occupazionale che intendiamo, scaturisce da alcune semplici riflessioni nell’ottica di comprensorio
dove la naturale vocazione di questo territorio è il turismo.
Il turismo deve essere incentivato attraverso due misure dove la prima è senz’altro la valorizzazione delle
strutture esistenti tramite il Piano Particolareggiato del Centro Storico e con la Perimetrazione delle zone
Turistiche di fatto all’interno delle zone agricole.
Con tali procedure urbanistiche, di cui la perimetrazione delle zone turistiche di fatto è stata intrapresa in
passato da chi si era stato incaricato alla formulazione del PRG, potranno potenziarsi queste strutture in
virtù delle reali necessità di contenere un maggior numero di turisti.
La seconda misura individuata dal gruppo, che si ritiene a più ampio respiro e che dovrà essere condivisa
all’interno di una concertazione politica con le forze che vorranno sostenere questo nostro progetto di
rilancio occupazionale e si chiarisce progetto che si è reso indispensabile in ragione dell’evidente ed almeno
per ora irreversibile spopolamento giovanile, è la ridefinizione del Piano Particolareggiato di Pagnano.
La ridefinizione è intesa nella sostanziale modifica della destinazione urbanistica che considerato il tessuto
semi urbanizzato sotto il profilo residenziale di detta contrada, considerato il dominante fenomeno
nazionale dove è in atto la fuga dall’Italia di tutto il tessuto industriale nazionale per i motivi che tutti
conosciamo (eccesso di burocrazia, eccessivi costi della manodopera e relativa contribuzione, ecc) e quindi
la ridefinizione dovrà essere in linea con la naturale vocazione del comprensorio del sud pontino che è la
destinazione turistica.
Per non allarmare le realtà produttive esistenti, dichiariamo pubblicamente in questo articolo di avere a
cuore le realtà artigianali site sul territorio di Pagnano che saranno incoraggiate e che verranno tutelate in
primis con la perimetrazione di una zona artigianale che terrà in debita considerazione le aspirazioni e le
necessità presenti e future degli operatori interessati.
Il nostro lavoro è appena cominciato, siamo consci che sarà indispensabile un sindaco dalle spalle larghe
che sappia tenere in piedi il difficile e delicato equilibrio tra le fazioni politiche anche in termini di
trasversalismo e quindi questa figura già dal gruppo individuata, sperando che quest’ultimo possa accettare
la nostra sfida, il nostro candidato Sindaco è Giuseppe De Santis che era giunto ufficialmente all’adozione
del Piano Particolareggiato di Pagnano come da delibera n. 19 del 19 maggio 2015 e che inoltre era giunto
vicino all’approvazione del P.R.G.
Obbiettivo comune per Itri mette in primo piano il rilancio occupazionale perché abbiamo a cuore le
famiglie ed i giovani itrani calpestati nel loro diritto di essere legittimi protagonisti nel proprio territorio.”