In casa un archivio pedopornografico, arrestato un insospettabile

In casa un archivio pedopornografico, arrestato un insospettabile

Trovato in possesso di un archivio informatico degli orrori, fatto di centinaia di video pedopornografici con bambini sottoposti a indicibili violenze, un insospettabile operaio di Latina è stato arrestato con l’accusa di pornografia minorile.

Il giovane, 24 anni, A.Z. le sue iniziali, residente alla periferia del capoluogo pontino e impiegato in una ditta della zona, è finito indagato dalla Procura di Roma, nell’ambito di un’inchiesta internazionale sullo scambio di materiale pedopornografico tramite i social.

La polizia postale di Latina, su ordine del sostituto procuratore Pantaleo Polifemo, ha quindi perquisito l’abitazione del 24enne e gli ha sequestrato materiale informatico.

Iniziando ad analizzare gli hard disk gli investigatori hanno però fatto la sconcertante scoperta: l’operaio non aveva salvato solo un file, come ipotizzato a piazzale Clodio, ma centinaia di video raccapriccianti.

Sempre con l’accusa di pornografia minorile, il sostituto procuratore Daria Monsurrò ha quindi aperto un secondo fascicolo e disposto l’arresto del giovane, che la polizia postale ha messo ai domiciliari.

Lunedì mattina l’interrogatorio davanti al gip Giorgia Castriota.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]