Tributi non pagati, dichiarata l’incompatibilità di tre consiglieri

Comune di Ventotene

Troppi tributi non pagati.

Per tre consiglieri comunali morosi, il consiglio comunale di Ventotene ha dichiarato l’incompatibilità e ha invitato gli stessi a rimuovere nell’arco di dieci giorni la causa di incompatibilità, pagando dunque all’ente locale quanto dovuto.


In caso contrario lo stesso consiglio comunale dichiarerà la decadenza dei tre dalla carica.

I tributi comunali non pagati del resto a Ventotene ammontano a un totale di 1,2 milioni di euro e il 31% di tali somme, per l’esattezza 386.952 euro, non sarebbe stato pagato dai tre consiglieri comunali, due di opposizione e uno di maggioranza, che lavorano sull’isola come imprenditori e che non avrebbero pagato i tributi dovuti neppure dalle loro aziende.

Si tratta del consigliere di maggioranza Modesto Sportiello, impegnato nella società “Marina di Ventotene”, a cui è stato contestato il mancato pagamento di oltre 110mila euro, del consigliere d’opposizione Pietro Pennacchio, al quale sono considerate riconducibili le società “Mezzatorre” e “L’Aragosta”, e a cui vengono contestati mancati pagamenti per oltre 200mila euro, e del consigliere d’opposizione Andrea Biondo, legato alla società “Un mare di sapori”, considerato moroso per oltre 38mila euro.