Forum dei giovani, elezioni e polemiche. L’assessora: “Preoccupata”

Forum dei giovani, elezioni e polemiche. L’assessora: “Preoccupata”

Lo dico con sincerità, sono preoccupata dal vedere come il necessario percorso democratico di rielezione dei referenti del Forum dei giovani si stia trasformando in un lungo processo all’esperienza condivisa in questi due anni e a me. E mi colpisce come sia del tutto esclusa una valutazione onesta sulle responsabilità condivise”. A parlare è Cristina Leggio, assessora di Latina con deleghe alla Città internazionale, Politiche giovanili, Partecipazione e Smart City.

“Prima di tutto respingo l’attribuzione che mi si fa di un atteggiamento di parte, non me lo riconosco e so in piena coscienza di non averlo mai scelto. Altrettanto convintamente posso dire di aver sempre promosso il coinvolgimento del Forum, in primo luogo attraverso il suo Coordinatore, nelle iniziative e le riflessioni del mio assessorato. Lo stesso hanno fatto i miei colleghi quando ne hanno colto l’opportunità. Aggiungo che in questi due anni ho più volte portato l’attenzione sulla scarsa partecipazione alle attività promosse dal Forum (con poche eccezioni) e sulla necessità di mettere in campo dei cambiamenti nel funzionamento e nella gestione per rilanciarlo. Ho anche raccolto negli anni le segnalazioni di alcuni degli iscritti che lamentavano uno scarso coinvolgimento nelle decisioni da parte del Coordinamento, ma a tutti ho sempre ribadito che in un contesto di collaborazione ci si può anche fare avanti per promuovere il confronto. E ora, dopo molti mesi dall’ultima convocazione dell’assemblea e in un momento essenziale per la valorizzazione di spazi di incontro per i giovani, sono convinta della necessità di promuovere un confronto diretto con gli iscritti e le iscritte del Forum e di programmare con loro i prossimi passi da fare per rimettere in campo questo prezioso spazio di partecipazione. Sono convinta che costruire partecipazione, nell’accezione di una scelta consapevole di condividere responsabilità e cedere spazi di potere, sia un dovere di chi governa una comunità. Altrettanto consapevole sono del fatto che imparare il linguaggio della democrazia e della gentilezza sia un obiettivo da perseguire ogni giorno, nei riguardi di tutti gli interlocutori con i quali ci si confronta. E su questa strada continuo ad impegnarmi, senza mai smettere di interrogarmi sul perché delle crisi e di prendere le decisioni che ritengo più giuste e delle quali mi assumo ogni volta la responsabilità. Certamente dispiaciuta del clima nel quale si è conclusa l’esperienza del primo Coordinamento del Forum, che ricordo ha la responsabilità di accompagnare e valorizzare la partecipazione diretta di tutti gli iscritti all’Assemblea, ricordo ancora a tutti i giovani e alle giovani della città che c’è tempo fino al 22 dicembre alle 14 per proporsi come Coordinatore/Coordinatrice del Forum e che, sempre il 22 è convocata l’Assemblea nella quale saranno decisi insieme tempi e modalità per l’indizione delle elezioni. Insieme, in un processo aperto e democratico, che sceglie il linguaggio del confronto”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social