Dirty Glass, disposto il giudizio immediato per otto imputati

Dirty Glass, disposto il giudizio immediato per otto imputati

A giudizio gli otto principali indagati nell’inchiesta dell’Antimafia di Roma denominata “Dirty Glass”.

Come chiesto dai pm Barbara Zuin, Luigia Spinelli e Claudio De Lazzaro, il gip Antonella Minunni, a distanza di tre mesi dagli arresti eseguiti dalla squadra mobile di Latina, ha disposto un processo con rito immediato per l’imprenditore Luciano Iannotta, l’imprenditore Luigi De Gregoris, il fisioterapista Natan Altomare, gli imprenditori Antonio e Gennaro Festa, Pio Taiani, il colonnello dell’Arma, Alessandro Sessa, già coinvolto nel caso Consip, e il maresciallo dell’Arma, Michele Carfora Lettieri.

Un processo scaturito dalle indagini partite da una denuncia su un’intimidazione subita da un imprenditore, presentata nel 2017 al commissariato di Terracina e poi considerata falsa.

Ipotizzati reati in materia fiscale e tributaria, violazioni della legge fallimentare, estorsione aggravata dal metodo mafioso, intestazione fittizia di beni, falso, corruzione, riciclaggio, accesso abusivo a sistema informatico, rivelazioni di segreto d’ufficio, favoreggiamento reale, turbativa d’asta, sequestro di persona e detenzione e porto d’armi da fuoco.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social