Urbanistica e incarico revocato, interviene l’opposizione

Urbanistica e incarico revocato, interviene l’opposizione

Revocato in autotutela dal sindaco Francesco Ferraiuolo l’incarico assegnato all’architetto Roberto Guratti per dare supporto al settore urbanistica, dopo che la Corte dei Conti ha aperto un’indagine sulla nomina e l’ha bollata come illegittima, sulla vicenda interviene l’opposizione consiliare, chiedendo che vengano recuperate le somme date al professionista, al fine di non incorrere in un danno erariale.

L’ex sindaco Piero Vigorelli e i consiglieri Franco Ambrosino, Giuseppe Feola e Maria Claudia Sandolo specificano che all’architetto Guratti era stato assegnato un compenso di 1.300 euro mensili, più rimborsi spese, e che l’incarico era stato dato illegittimamente sin dal 2018, essendo il professionista andato in pensione ed essendo vietato conferire incarichi di studio e/o di consulenza a soggetti in quiescenza della pubblica amministrazione.

“Il tutto – scrivono i consiglieri di minoranza – con il silenzio e l’acquiescenza del sindaco e della giunta comunale, nonostante che a più riprese l’opposizione avesse segnalato l’illegalità dell’incarico all’architetto Guratti”.

Per i quattro consiglieri ora “chi di dovere dovrebbe valutare l’opportunità di richiedere la restituzione delle somme percepite dall’architetto Guratti dal mese di gennaio 2018 al 3 dicembre 2020 (fatta eccezione per i rimborsi spese, ad esempio per i viaggi), proprio al fine di scongiurare un danno erariale”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social