Dirty Glass, altro blitz: caccia agli affari occulti di Iannotta

Luciano Iannotta

Tra prestanome e appoggi oscuri, con operazioni di riciclaggio e autoriciclaggio, l’imprenditore Luciano Iannotta sarebbe riuscito a costruire un vero e proprio impero.

Affari criminali che andrebbero ben oltre quanto emerso al momento degli arresti con l’operazione Dirty Glass.


Con questa convizione, effettuati alcuni riscontri e ricevute nuove e preziose informazioni, la Direzione distrettuale antimafia di Roma ha fatto scattare oggi un nuovo blitz.

Gli investigatori della questura di Latina, coordinati dalla squadra mobile, stanno perquisendo a Sonnino tutte le società ritenute riconducibili all’ex presidente della Confartigianato di Latina, a caccia di documentazione contabile parallela e altri documenti ritenuti utili.

Un’attività finalizzata a ricostruite nel dettaglio l’intero patrimonio di Iannotta.