Mercato ittico, il Tar respinge la richiesta cautelare di alcuni operatori

Mercato ittico, il Tar respinge la richiesta cautelare di alcuni operatori

“Il pronunciamento dei giudici amministrativi conferma la legittimità e correttezza dell’AdSP per rendere fruibile e funzionale la struttura finanziata e realizzata in località Peschiera”. E’ quanto dichiara il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo, a poche ore dalla pubblicazione dell’ordinanza del Tar del Lazio-sezione di Latina.

“L’AdSP continuerà il suo impegno – sottolinea di Majo – per dotare una città di mare come Gaeta di un mercato del pesce moderno e funzionale. La precedente governance nel 2014 aveva promosso l’iter per la realizzazione del mercato ittico (rispondendo ad una esigenza espressa dall’Amministrazione comunale) per la quale furono investiti ben 400 mila euro. Ma non solo. Abbiamo, in continuità con quanto fatto dalle precedenti amministrazioni dell’ente, portato avanti il progetto di riqualificazione dell’intero waterfront di Gaeta che è stato pressoché ultimato rendendo la città più bella e più appetibile sul piano turistico. Si tratta del rilancio del tratto di costa che senza l’apporto finanziario dell’AdSP non si sarebbe potuto concretizzare nel corso di questi anni”.

Se l’ordinanza del Tar legittima ancora una volta l’operato tecnico e amministrativo dell’AdSP, il suo Comitato di Gestione, nell’ultima seduta, ha concesso il via libera al rilascio della concessione demaniale per un periodo di quattro anni (rinnovabile alla scadenza) alla signora Gemma Ritondale per l’assegnazione di uno dei 14 stalli presenti nella struttura. La neo concessionaria è risultata l’unica operatrice in possesso dei requisiti di legge contemplati dal secondo bando pubblicato dall’Ente portuale per il nuovo mercato ittico di Gaeta.

Intanto, i termini del terzo bando per l’assegnazione degli stalli del mercato ittico sono scaduti nei giorni scorsi e due nuovi operatori hanno avanzato la richiesta per avere la disponibilità di tre stalli. “Un altro atto concreto – conclude il Presidente dell’AdSP – per la risoluzione di un’annosa problematica. Lo stesso Comune di Gaeta aveva emanato una specifica ordinanza di chiusura, a causa di pressanti anomalie igienico-sanitarie, evidenziate dal competente dipartimento della Asl di Latina, dei superati stalli di vendita sui marciapiedi del Lungomare Caboto. E’ stata già nominata una nuova commissione tecnica per valutare le proposte presentate. Il nostro obiettivo è uno soltanto: il nuovo mercato del pesce di Gaeta deve aprire i battenti. Ci auguriamo che ora tra gli operatori prevalga il buon senso, visto che gli uffici probabilmente procederanno alla pubblicazione di un ulteriore avviso al quale, auspichiamo, aderiscano tutti quei soggetti che nel frattempo siano riusciti a regolarizzare le proprie posizioni”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social