Stalking nei confronti di amiche e conoscenti del marito: a giudizio

Stalking nei confronti di amiche e conoscenti del marito: a giudizio

A giudizio per stalking Cinzia Pressato, la 47enne di Sabaudia arrestata con l’accusa di aver tormentato per cinque mesi amiche e conoscenti del marito da cui si stava separando.

Le vittime si sono trovate con le auto o il citofono di casa danneggiati, insulti su Facebook, Instagram o tramite WhatsApp.

Tutte accusate dall’imputata di intrattenere rapporti con il marito.

Il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina, Giuseppe Cario, respinta la richiesta di un rito abbreviato condizionato a una perizia psichiatrica sull’imputata, presentato dal difensore della donna, l’avvocato Valentina Macor, ha disposto per la 47enne un processo.

La prima udienza è fissata davanti al giudice del Tribunale di Latina, Maria Assunta Fosso, per il prossimo 28 ottobre.

Tredici le presunte vittime, otto delle quali si sono costituite parte civile.

Cinzia Pressato, che era arrivata al punto di pubblicare sui social l’ordinanza di custodia cautelare emessa a suo carico, era stata messa ai domiciliari e poi in carcere.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social