Campagna elettorale, nei giorni scorsi l’assessore regionale al Welfare a Fondi

Campagna elettorale, nei giorni scorsi l’assessore regionale al Welfare a Fondi

Si muovono anche i rappresentanti politici ed istituzionali negli ultimi giorni di campagna elettorale. Il Partito Democratico, ad esempio, nei giorni scorsi ha portato in città per un evento a sostegno del candidato sindaco Raniero De Filippis l’assessore al welfare Alessandra Troncarelli.

“Grande partecipazione all’incontro che si è svolto lo scorso giovedì 10 settembre, presso la Cantina di Galba a Fondi, con l’Assessore alle Politiche Sociali Welfare ed Enti Locali, Alessandra Troncarelli, organizzato dal Circolo del Partito Democratico di Fondi, che ha visto coinvolti, tra i partecipanti, alcuni dei candidati al Consiglio Comunale della lista del Pd, insieme al Dottor Ciarlo, Direttore Sanitario dei Presidi di Terracina, Fondi e Formia, il candidato Sindaco Raniero De Filippis e il segretario del Circolo Danilo Pallisco.

Un’occasione, non solo per presentare le proposte della coalizione a sostegno del candidato sindaco sui temi delicati di politiche sociali e welfare, ma anche un’opportunità per poter presentare le nuove linee guida varate dalla Regione Lazio e spiegare la distribuzione dei fondi regionali ottenuti nell’ultimo periodo.

Ad agosto, la Regione Lazio, ha approvato i Leps, i livelli essenziali delle prestazioni sociali, e le “Linee guida per la redazione, concertazione, attuazione, monitoraggio e valutazione dei piani sociali di zona” per i distretti sociosanitari e gli ambiti territoriali ricompresi nel territorio.

Sono il presupposto per un nuovo e più efficace utilizzo dei fondi statali, regionali e comunali. Un risultato che abbiamo raggiunto anche grazie al continuo confronto con terzo settore e parti sociali.
È lo snodo fondamentale attraverso il qual
e – spiega l’assessore Troncarellipassano l’efficacia e l’efficienza delle prestazioni erogate territorialmente, confermando l’ambito e il distretto come la dimensione ottimale per la programmazione e la costruzione dei Piani di zona. Infine, il nomenclatore dei servizi, degli interventi e delle strutture socio-assistenziali ha anche l’intento di fornire ai Comuni e ai distretti socio-sanitari uno strumento con cui riclassificare la spesa, secondo il principio dei bilanci pubblici armonizzati, grazie all’utilizzo di un linguaggio condiviso. La finalizzazione delle risorse, inoltre, ci garantisce interventi ancora più tempestivi, rispondendo ai Leps delineati. Azioni che, nel loro insieme, forniscono un quadro preciso per monitorare gli interventi e rispondere al fabbisogno reale dei cittadini, obiettivo prioritario della Regione Lazio”.

Tra le diverse tematiche affrontate – con interventi approfonditi della candidata  dottoressa Chiara Panella e del candidato Emanuele Fontana – dalle politiche educative e servizi per la prima infanzia al contrasto del fenomeno della povertà e l’inserimento nel mondo lavorativo dei soggetti con disabilità, particolare attenzione è stata data alle difficoltà delle famiglie con soggetti con disturbi dello spettro autistico, una delle sindromi più complesse che emergono nell’età evolutiva. Le manifestazioni dell’autismo sono varie e per questo si parla di “spettro autistico”; diversi i livelli di gravità, da forme più lievi fino a quelle molto acute cui spesso si accompagna un quadro di ritardo mentale, pertanto, vari i livelli di supporto nella loro vita quotidiana.

Tra gli obiettivi dell’Assessore e della sua squadra, c’è quello della realizzazione di centri diurni anche per i soggetti adulti che presentano tali patologie; nell’ambito, quindi, delle linee guida varate per la realizzazione dei programmi di indipendenza abitativa del “Durante e Dopo di noi” si vuole andare ancora oltre: favorire l’inclusione sociale delle persone, il che significa migliorarne la qualità della vita, restituendo loro la dignità che meritano. Il Pd di Fondi ha, da sempre, sostenuto l’operato della Regione Lazio in materia di assistenzialismo alle fasce della società considerate più “deboli”: minori, disabili, anziani e tutti coloro che si trovino in particolari condizioni di subalternità e difficoltà, con iniziative di sensibilizzazione verso le problematiche che affliggono i cittadini, come, ad esempio, la ludopatia. E continuerà l’impegno sostenendo la centralità e importanza della collaborazione tra gli enti per una più efficiente risposta ai bisogni dei cittadini, unita alle attività di monitoraggio dei servizi offerti”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]