“A fine estate interventi sulle passerelle al mare, scarsa programmazione”

“A fine estate interventi sulle passerelle al mare, scarsa programmazione”

“Meglio tardi che mai direbbe qualcuno, ma in questo caso il ritardo porterà ad uno spreco inutile di soldi pubblici, alla faccia della programmazione e della buona amministrazione. E’ infatti di queste ore l’immagine di tecnici ed operai al lavoro sulle passerelle di legno che dal lungomare portano sulla spiaggia di Latina. Dunque il Comune amministrato da Lbc e dal dottor Coletta dopo aver atteso che la stagione estiva fosse praticamente agli sgoccioli ha deciso di intervenire per porre rimedio ad una situazione di grave degrado. Peccato però che ad usufruire di questo intervento che probabilmente terminerà a settembre inoltrato non saranno i turisti, i cittadini di Latina, gli anziani e i disabili dal momento che l’estate volge al termine”. A parlare, il movimento politico Alleanza per Latina.

“Intervenire ora sulle passerelle del lungomare, oltre ad essere l’ennesima dimostrazione della scarsa programmazione da parte di questa amministrazione, vuol dire sprecare fondi pubblici perché nei prossimi mesi con l’arrivo della brutta stagione tutti gli interventi effettuati saranno vanificati dal maltempo, dalle mareggiate e dalla intemperie. Dal momento che non si è riusciti ad intervenire la scorsa primavera, ad aprile, non sarebbe stato meglio a questo punto attendere i mesi successivi per permettere ai cittadini agli anziani e ai disabili della nostra città di usufruire almeno per la prossima stagione di punti di accesso alla spiaggia, sicuri e rinnovati? Registriamo invece purtroppo l’ennesimo autogol sulla marina da parte dell’amministrazione di Lbc. Un autogol – continuano dal movimento – che si somma a tutte le problematiche lasciate in sospeso in questi anni e che hanno penalizzato operatori e cittadini. Come dimenticare infatti la promessa di Lbc degli anni scorsi di realizzare un arena dello sport al Lido di Latina, oppure cosa dire dello scivolo per natanti al fosso Mascarello ancora fuori uso, o ancora del ponte chiuso a Foceverde. Se poi aggiungiamo che del ripascimento della spiaggia non vi è stata neppure l’ombra, che la casa cantoniera di Borgo Sabotino ancora non è stata assegnata e che il porto di Rio Martino viene definito un ‘cancro’ dall’assessore Bellini; abbiamo chiaro il quadro di quale sia la visione miope di questa amministrazione sulla Marina e sul Lido di Latina. Quello che dovrebbe essere il principale volano di sviluppo della nostra città viene vissuto come un peso e un fastidio per chi amministra oggi Latina”.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social