Polemica su ‘La Casa Giusta’: l’associazione capofila del progetto risponde alle accuse

Polemica su ‘La Casa Giusta’: l’associazione capofila del progetto risponde alle accuse

E’ datata 14 agosto ed è a firma dell’Ass.ne Comunità del Lazio Meridionale e delle isole Pontine, la lettera indirizzata al Prefetto di Latina e alle alte cariche del Comune di Formia, con cui l’associazione stessa chiede la chiusura del progetto de ‘La Casa Giusta’ di Formia.

Nel testo della missiva, i rappresentanti, capitanati dal presidente Francesco Carta, hanno chiesto di conoscere e di rendere pubbliche le attività svolte nel corso degli ultimi 3 anni, oltre a paventare la necessità di ritirare la convenzione e riallocare il bene immobile sequestrato alla camorra.

Polemica che non ha lasciato indifferente l’associazione capofila del progetto, ‘Alternata Silos’ che, tramite la sua rappresentante, Federica Marciano, ha risposto alle accuse con una dura nota diffusa a mezzo stampa nella giornata di ieri, lunedì 17 agosto.

Di seguito il testo a firma dell’Associazione ‘Alternata silos’:

 

“La Casa Giusta:  la menzogna come azione politica inquina la società.

La nostra città è preda di camorra! E’ intessuta nelle saracinesche dei negozi, nei visi sornioni di professionisti incravattati, nelle lingue ripulite di chi prepara compravendita di voti, di chi siede nelle prime file delle conferenze paventando legalità.

La nostra città è un falò di fandonie e pettegolezzi che divorano e vanificano i piccoli grandi sforzi che sperano in un cambiamento;  piccoli grandi sforzi che abbiamo cominciato a fare nel 2017 concretizzando un sogno di cambiamento:  La Casa Giusta.

La Casa Giusta è nata con la “grande ambizione” di dare alternative concrete alla nostra comunità, agonizzante, assuefatta, omologata alla cultura della convenienza personale; con la grande ambizione di riportare al centro del proprio agire, il diritto di “essere umano”, il diritto di cercare di affrontare le umane difficoltà  quotidiane collaborando con dignità e rispetto; con la grande ambizione di fare della solidarietà un pensiero comune e un agire collettivo.

La Casa Giusta lavora con questo spirito dal 2017 per il contrasto alle disuguaglianze sociali, etniche e di genere, per il contrasto alla povertà economica, sociale e culturale, contribuendo a sviluppare sul territorio una rete di attori sociali che operano per la diffusione  sul territorio di una cultura dell’antimafia.

La Casa Giusta è  un luogo vivo, un volano di possibilità per quanti partecipano e collaborano al  suo interno.

La Casa Giusta ospita Il Centro di Accoglienza, Domino, rifugio di donne vittime di violenza e persecuzione, che consente percorsi di inclusione sociale di madri e figli, e che è stato riconosciuto dall’Osservatorio Romano delle migrazioni come buona prassi da prendere da esempio e che collabora con la cooperativa Al di là dei sogni di Simmaco Perillo e con l’NCO per permettere l’emersione e il contrasto della tratta di esseri umani.

La Casa Giusta ospita il contenitore progettuale “Code” e  tre progetti europei rivolti a cittadini a rischio esclusione sociale,  riguardanti temi come la diffusione delle nuove tecnologie e il contrasto alla violenza di genere.

La Casa Giusta, in collaborazione con l’ufficio cooperazione della chiesa Valdese ha attivato un programma di sostegno umanitario rivolto ad un nucleo familiare  scampato alla tremenda guerra in Siria.

La Casa Giusta è il luogo dove associazioni locali ed enti del terzo settore siedono intorno ad un tavolo con temi comuni dando vita ad un network solidale e ricco di fermento, donando alla collettività spazi e attività totalmente gratuiti e fruibili. Ne sono solo un esempio: il Teatro Kappao, che ha attivato infiniti processi e pratiche di accrescimento socio-culturale, indirizzate agli adolescenti e a soggetti con disagio psichico;l’associazione Terra Prena, impegnata nel sostegno alla maternità e alla genitorialità, il Salva Mamme del golfo, attraverso l’aiuto concreto di famiglie formiane in stato di necessità, l’Arci mediterranea, attivando iniziative e campagne di promozione culturale e solidale, il progetto Waste, giovane esperimento di filiera pulita e trasparente della sartoria, lo Spazio scambio, per la diffusione della cultura del riuso e del consumo etico, il collettivo AKKK, giovanissimi del territorio impegnati nella diffusione musicale, Arti e Mestieri, che fa del riuso la vera arte, Equilibri Naturali, con progetti dedicati al benessere fisico e motorio,  il movimento Non una di meno,  per la lotta alla violenza di genere…

 E tanti altri enti nazionali, cooperative, associazioni che hanno individuato nel progetto della Casa Giusta la nostra “migliore gioventù”, come Anpi Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, riconoscendone il valore etico e sociale.

La Casa Giusta collabora con istituti scolastici per l’alternanza scuola lavoro, per gemellaggi internazionali, con l’Università di Cassino e nello specifico il dipartimento di antropologia. Collabora con l’amministrazione comunale, attraverso l’ospitalità di minori non accompagnati, e di azioni di comunità in stato di emergenza come durante l’evacuazione della città.

La Casa Giusta organizza incontri e convegni in cui si  parla di camorra, di caporalato, di sfruttamento delle risorse locali e internazionali, di cooperazione e di formazione del terzo settore.

La Casa Giusta adotta dal 3 marzo 2020  tutte le misure preventive anti pandemia Covid 19.

La casa è , purtroppo solo in parte, luogo di condivisione di esperienze e laboratori per giovani e adulti con sofferenza psichica e fisica e, per dinamiche interne a quelle organizzazioni che si sarebbero dovute occupare di disabilità, sviluppando solo parzialmente questo settore .

A questo proposito le tristi vicende che affliggono L’Associazione L’Aquilone, una delle componenti fondanti l’esperienza della Casa Giusta,  ci dispiacciono e ci preoccupano e rimane la totale e completa disponibilità di cercare con loro una soluzione a queste angoscianti problematiche al fine di proseguire con loro il percorso iniziato e migliorare laddove si è fallito.

L’amministrazione comunale insediatasi dal 2018 conosce bene l’esperienza della Casa Giusta e ne apprezza il valore, non solo la valenza sociale ma anche l’importanza di aver consentito alla città di avere un bene confiscato e in fase di ristrutturazione grazie ad un finanziamento pubblico ottenuto dalla Regione Lazio nel 2019 e che destina circa 70.000,00€ alla manutenzione dell’immobile.

La Casa Giusta non ha padroni,  non ha benefattori né capibastone politici;  chi gestisce il progetto non ha mai goduto di aiuti né favori, ha speso fondi pubblici e privati,  derivanti dal lavoro e dalla progettazione italiana ed europea, dal lavoro di giovani operatori sociali che credono nel lavoro e nella sua dignità, consapevoli che nessuno è profeta in patria e che l’ambizione progettuale è solo una parte della montagna da scalare.

L’altro lato della montagna è dover fare i conti con l’inspiegabile acredine volutamente diffamatoria di quanti vestono i panni delle pettegole del quartiere, nascondendosi dietro sigle di fittizie associazioni, pronte a sferruzzare malignità e cercare briciole di convenienza personale in argomentazioni per e quali non hanno la minima contezza.

Sono ignavi, non conoscono le leggi, pur essendo esperti della materia, non sanno leggere le carte, che pure sono molto semplici, ma è evidente che gettare fumo negli occhi dell’opinione pubblica attraverso i social è un gioco molto più semplice. Semplice, un termine pieno e denso, perché è con la semplicità e la dignità che abbiamo sempre agito, operando in un territorio troppo abituato all’uso del pettegolezzo come strumento sociale e politico.

Il nostro è un cammino ambizioso che non vuole cedere il passo alla superficialità speculativa, non vogliamo cedere a quella miopia soporifera che condiziona e inquina la bellezza e il fermento nel nostro territorio.

Con la medesima semplicità diciamo però che adiremo le vie legali contro chi insinua che nella Casa Giusta si agisca contro la legge, perché tutti gli atti e i documenti sono consultabili e pubblici. Inoltre le istituzioni interessate, la prefettura e la asl, monitorano per quanto di loro competenza  l’attività della casa giusta. Chi millanta  inadeguatezza strutturale e progettuale dichiara il falso diffamandoci scientemente.

La Casa Giusta è un’esperienza umana e sociale unica per la città di Formia e si deve lottare affinché risolva le criticità e continui il dignitoso percorso di riscatto sociale che ha intrapreso,. Solo agli occhi di chi l’ha costruita e di chi la diffama rimane una ambita mega villa con piscina in riva al mare.

Federica Marciano

Legale rappresentante

della Cooperativa Alternata Silos

ente capofila de “La Casa Giusta”

You must be logged in to post a comment Login

h24Social