“Pericolo igienico-sanitario”, a Formia interdetto un tratto di arenile

“Pericolo igienico-sanitario”, a Formia interdetto un tratto di arenile

Un pezzo di spiaggia col momentaneo ‘disco rosso’, a Formia. Si tratta di un tratto del litorale di Gianola-Acquatraversa, interdetto da venerdì sera in corrispondenza della foce del torrente Acqualonga per l’esecuzione di alcuni lavori di livellamento e risagomatura. Una decisione messa nero su bianco in un’ordinanza a firma del sindaco Paola Villa, per una misura ritenuta “indispensabile e urgente, al fine di tutelare la pubblica e privata incolumità”.

“All’altezza del condominio Acquazzurra Residence, nello stabilimento balneare ‘Tropical Beach’, si è venuto a creare un pericoloso ristagno delle acque con creazione di una zona paludosa in corrispondenza della foce del torrente Acqualonga”, è spiegato nell’ordinanza in oggetto. “Tale situazione di insalubrità costituisce un pericolo di carattere igienico-sanitario per tutti gli utenti del tratto di arenile, soprattutto in questo periodo di elevata frequentazione”.

Già poco dopo la metà del mese di luglio, nell’appellarsi alle autorità attraverso h24notizie, dal residence Acquazzurra in relazione al tratto di spiaggia interdetto venerdì parlavano di “un ristagno delle acque che ha già causato seri problemi igienico-sanitari ad alcuni frequentanti la spiaggia”.

“Gli Uffici del Settore 3 Lavori pubblici hanno provveduto alla consultazione di operatori economici in grado di eliminare il problema, mediante ripristino del percorso rettilineo del tratto finale del torrente, con parziale risagomatura dell’arenile in corrispondenza della foce, con ripristino dell’argine della sponda destra”, evidenzia il sindaco nell’ordinanza emessa venerdì.

“Si è già provveduto a risagomare il piccolo corso d’acqua nel tratto terminale sulla spiaggia ed agevolare il deflusso delle acque in mare”, fa sapere l’assessore Orlando Giovannone nel pomeriggio di lunedì, a mezzo social. “Il torrente aveva assunto una configurazione tale da allungarne il percorso, rallentandone il deflusso e impegnando sotto forma di acquitrini spazi significativi di arenile”. Ad ogni modo, al momento delle parole di Giovannone sull’albo pretorio non ci sono comunicazioni inerenti uno stop all’interdizione del tratto inaccessibile.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social