Il presidente Medici ed i sindaci della provincia si uniscono al coro di solidarietà al giudice Cario

Il presidente Medici ed i sindaci della provincia si uniscono al coro di solidarietà al giudice Cario

Si sono uniti al coro unanime degli attestati di solidarietà in favore del giudice Giuseppe Cario, anche il presidente della Provincia Carlo Medici e tutti i sindaci della provincia di Latina.

Come noto, il giudice Cario, coordinatore della sezione Gip del Tribunale di Latina è stato messo sotto scorta dallo scorso venerdì 17 luglio a causa delle minacce ricevute.

“Il presidente della Provincia Carlo Medici e tutti i sindaci della provincia di Latina – si legge nella nota diffusa dall’ufficio stampa della Provincia di Latina – esprimono solidarietà al giudice Giuseppe Cario oggetto di minacce che hanno portato all’adozione di particolari misure di protezione nei suoi confronti.

“In questi anni nei quali il nostro territorio è stato oggetto di importanti inchieste che hanno portato alla luce la presenza di organizzazioni criminali – sottolineano Medici e i primi cittadini – i magistrati in servizio presso la Procura della Repubblica e presso il Tribunale, alcuni dei quali in passato oggetto di intimidazioni, hanno rappresentato e rappresentano per tutti i cittadini, per la società civile e per le istituzioni un importante punto di riferimento per la difesa della legalità e il contrasto al crimine, organizzato e non.

Al giudice Giuseppe Cario va quindi tutta la nostra vicinanza e la nostra solidarietà: le amministrazioni comunali e i sindaci sono al suo fianco e al fianco di tutti coloro che con il loro impegno e il loro lavoro quotidiano combattono la diffusione del crimine che danneggia in ogni modo il nostro territorio. In un momento difficile come quello attuale è necessario più che mai – concludono – mantenere alta la guardia e combattere, ciascuno nel proprio ruolo ma con unità di intenti, le infiltrazioni criminali nel tessuto sociale, economico e istituzionale della provincia di Latina”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social