Presentato il piano di riqualificazione e recupero di siti produttivi fuori zona industriale

Presentato il piano di riqualificazione e recupero di siti produttivi fuori zona industriale

Si è tenuto venerdì mattina un incontro in sala consiliare per illustrare agli imprenditori operanti a Cisterna di Latina le importanti novità introdotte dal Piano per l’individuazione di nuclei produttivi ubicati al di fuori dell’area industriale dell’ASI Roma – Latina e dell’area artigianale al centro della città.

Il piano accinge ad andare in consiglio comunale ma prima della sua approvazione, l’amministrazione – attraverso il supporto dei tecnici comunali – ha voluto esporlo ai diretti interessati affinché potessero comprendere le opportunità offerte ma anche avanzare proposte integrative.

Il dirigente del settore Urbanistica, l’architetto Luca De Vincenti, ha illustrato i contenuti maggiormente evidenti e incisivi del Piano. “In sostanza si tratta di riconoscere la destinazione produttiva non più solo all’immobile condonato ma anche al lotto di pertinenza nonché la possibilità di realizzare ulteriori ampliamenti dei fabbricati produttivi realizzati in forza della ‘Variante di mantenimento industriale degli anni 80’ e dei patti territoriali”, dicono dall’amministrazione comunale.

Nelle aree di espansione artigianale ed industriale utili a ‘ricucire’ il tessuto urbanizzato, spiegano ancora dall’amministrazione, sarà possibile realizzare nuove attività produttive (comprese attività commerciali e servizi privati) oltre agli standard urbanistici quali parcheggi e verde pubblico attrezzato.

Il piano interessa numerosi nuclei sparsi sul territorio tra i quali i più rappresentativi sono quelli di Le Castella (porta nord), la Croce (porta sud), Via Nettuno (Olmobello e via Reynold) e Pontina.

“E’ il frutto di un anno e mezzo di lavoro da parte degli uffici tecnici del Comune”, ha detto l’assessore Renato Campoli. “Abbiamo voluto coinvolgere gli imprenditori perché dobbiamo operare nella stessa direzione, dando possibilità di sviluppo del territorio e non bloccandoli o costringendoli a trasferirsi altrove”.

“Insieme alla Bretella Cisterna-Valmontone – ha aggiunto il sindaco Mauro Carturan – di cui mi sono fatto portavoce degli industriali della zona ormai da circa 20 anni e che sembra essere finalmente giunta ad una svolta decisiva, questo intervento di mantenimento industriale lo auspicavo da anni. Da qualche settimana non utilizzo più la parola ricostruire che è stato il mio motto in campagna elettorale, perché credo che abbiamo ormai superato questa fase e siamo andati oltre. Questo piano, insieme alla rigenerazione urbana e tanti altri interventi, sono il mio contributo alla creazione di nuovi posti di lavoro a Cisterna, senza costringere i nostri giovani a dover migrare altrove per progettare il proprio futuro”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social