Dall’88esimo della prima pietra al futuro politico, l’appello di Alleanza per Latina

Dall’88esimo della prima pietra al futuro politico, l’appello di Alleanza per Latina

“Dalle nostre radici costruiamo il nostro futuro” così esordiscono dall’associazione Alleanza per Latina con la nota che riporta la data del 30 giugno in cui si celebra l’88esimo della posa della prima pietra della città del capoluogo. “Appuntamento alle 18,30 in Piazza del Quadrato” scrivono dall’associazione.

“Un momento per ricordare le nostre radici: i 60 mila operai e le 2953 famiglie di coloni che contribuirono alla fondazione della nostra amata Città e dei Borghi di Latina, ma anche per guardare al futuro interrogandoci sul destino del nostro territorio e delle nuove generazioni.

E’ questo il senso della celebrazione del ricordo della posa della prima pietra di Littoria, ora Latina, avvenuta il 30 giugno del 1932: in soli sei mesi venne costruita, dal nulla, una Città.

Ci ritroveremo dunque, insieme a semplici cittadini e rappresentanti dei borghi, per fare memoria -martedì 30 giugno 2020 alle ore 18,30- in Piazza del Quadrato davanti al monumento del Bonificatore, della posa della prima pietra della nostra città.

Oggi, a distanza di 88 anni da quella data, dobbiamo impegnarci per pensare e realizzare il futuro di Latina.

Un futuro si costruisce ricordando anche la nostra storia e le nostre tradizioni, pietre angolari di una comunità che non dimentica i suoi valori fondanti. L’umanesimo del lavoro insieme all’epopea della bonifica sono testimonianze che dobbiamo avere ben presenti ancora oggi, soprattutto in un momento in cui siamo chiamati a risollevare la nostra città da anni grigi e inutili a cui le ultime amministrazioni l’hanno consegnata.

Rivolgiamo un appello alle donne e agli uomini che hanno a cuore le sorti della nostra amata Latina, un appello a 360 gradi per un ritorno all’impegno politico a favore dello sviluppo della nostra comunità: un impegno per la crescita, il lavoro e la sanità.

Per tutti quei progetti necessari a ridare vita al nostro territorio.

Mai più dobbiamo consegnare Latina a chi non la ama, a chi non ne rispetta la storia a chi pensa di cancellarne il sentire comune. Celebriamo insieme, il 30 giugno, la posa immaginaria di una pietra angolare per il futuro di Latina e dei suoi cittadini di oggi e di domani.”

You must be logged in to post a comment Login

h24Social