Covid nel Lazio: il valore RT sale sopra a 1, ma la Regione rassicura

Covid nel Lazio: il valore RT sale sopra a 1, ma la Regione rassicura

Oggi registriamo un dato di 9 casi positivi e di questi un caso è riferibile al focolaio del San Raffaele Pisana“, spiega l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, nell’ormai consueto aggiornamento sui contagi da nuovo coronavirus. “Si tratta di una infermiera dipendente della struttura. Nella Asl di Viterbo è stato individuato un infermiere positivo grazie ai test sierologici effettuati sul personale e questo dimostra l’importanza del lavoro svolto per testare, tracciare e trattare. Un caso positivo nella Asl Roma 6 ha richiesto l’attivazione del tracing internazionale, si tratta di un ragazzo tornato dal Messico. Questa mattina ho visitato accompagnato dal Direttore generale della Asl Roma 1, Angelo Tanese il Covid Center del San Filippo Neri che chiude dopo 85 giorni di attività. Qui è stato fatto un lavoro straordinario e voglio ringraziare tutti gli operatori e i professionisti. Dobbiamo essere orgogliosi del nostro sistema sanitario regionale che ha saputo intervenire con tempestività e grande professionalità”.

“Gestire un Covid Center al San Filippo Neri è stata una grande prova di flessibilità di tutto l’ospedale, frutto di validi professionisti che si sono fatti trovare pronti e di una organizzazione che ha garantito le migliori condizioni di sicurezza e la cura di ogni dettaglio nel trattamento clinico e nella relazione con i pazienti e le loro famiglie”, ha dichiarato il Dg della Asl Roma 1, Angelo Tanese.

Proseguono intanto le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine. Sono stati 4 i decessi nelle ultime 24h, fanno sapere dalla Regione Lazio, mentre sono stati 14 i guariti nelle ultime 24h raggiungendo un totale complessivo di 6.181 che sono ormai oltre sei volte il numero degli attuali positivi.

Nell’odierna valutazione da parte del Ministero della Salute il Lazio registra un valore RT superiore a 1, ma questo ce lo aspettavamo ed era inevitabile poiché è causato dai focolai ormai chiusi nella città di Roma“, rende inoltre noto l’assessore D’Amato. “Sarebbe stato grave l’inverso poiché avrebbe significato la non tempestiva delimitazione di tutti i casi dei focolai. La rilevazione del Ministero ci dice inoltre come il Lazio abbia il miglior sistema di contact tracing a livello nazionale con il 100% dei casi con regolare indagine epidemiologica e con ricerca dei contatti stretti. Un dato estremamente positivo se collegato anche al netto miglioramento del tempo medio tra data di inizio sintomi e la data della diagnosi (tampone) che scende a sole 48h, su una soglia di sufficienza delineata in 5 giorni”.

Per quanto riguarda i Dispositivi di protezione individuale, sono in distribuzione presso le strutture sanitarie 264.000 mascherine chirurgiche, 107.000 maschere FFP2, 7.650 maschere FFP3, 12.750 tute e 18.900 cuffie.

Di seguito, la situazione nelle Asl, Policlinici Universitari e Aziende Ospedaliere:

Asl Roma 1 – Non si registrano nuovi casi positivi. 15 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. Domani chiude il Covid Center San Filippo Neri;

Asl Roma 2 – 4 nuovi casi positivi; 27 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 3 – 2 nuovi casi positivi di cui 1 riferibile al cluster dell’IRCCS San Raffaele Pisana; 10 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 4 – Non si registrano nuovi casi positivi;

Asl Roma 5 – Non si registrano nuovi casi positivi; 21 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 6 – 1 nuovo caso positivo, un ragazzo rientrato dal Messico. Avviato contact tracing internazionale. 36 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Frosinone – Non si registrano nuovi casi positivi. 0 decessi; 36 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Latina – 1 nuovo caso positivo. Deceduta una donna di 88 anni;

Asl di Rieti – Non si registrano nuovi casi positivi; 0 decessi; 1 persona è uscita dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Viterbo – 1 nuovo caso positivo, individuato grazie alla campagna di test di sieroprevalenza sul personale sanitario; 0 decessi; 3 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Azienda Ospedaliero – Universitaria Sant’Andrea – Conclusi i test per l’indagine sierologica sul personale sanitario. Partiti i test sierologici per i privati cittadini. Ripresa l’attività ambulatoriale;

Azienda ospedaliera San Camillo – Conclusi i test per l’indagine sierologica sul personale sanitario. Partiti i test sierologici per i privati cittadini. Ripresa l’attività ambulatoriale;

Azienda Ospedaliera San Giovanni – Conclusi i test per l’indagine sierologica sul personale sanitario. Partiti i test sierologici per i privati cittadini. Ripresa l’attività ambulatoriale;

Policlinico Umberto I – 28 pazienti ricoverati di cui 1 in terapia intensiva. Conclusi i test per l’indagine sierologica sul personale sanitario;

Policlinico Tor Vergata – 6 pazienti ricoverati di cui. 1 paziente guarito. Ultimati i test di sieroprevalenza sugli operatori sanitari;

Policlinico Gemelli – 47 pazienti ricoverati al Covid Hospital Columbus;

Ares 118 – Operativo al numero verde 800.118.800 il servizio di assistenza psicologica per i cittadini;

IFO – Operativo il laboratorio per il test sierologico e il laboratorio per il test Covid H24;

Istituto Zooprofilattico – Conclusi i test per l’indagine sierologica sul personale sanitario. Partiti i test sierologici per i privati cittadini e medici veterinari. Il servizio è on line con prenotazioni dal sito;

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù – Dimesso un altro nucleo familiare. Al Centro Covid di Palidoro restano ricoverati 3 bambini e 2 genitori.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social