Nuova grana per Riccardo, scatta l’ordine di demolizione

Nuova grana per Riccardo, scatta l’ordine di demolizione

Ennesima grana per l’imprenditore Massimo Riccardo, già al centro di diverse inchieste sull’urbanistica nel capoluogo pontino, in particolare durante la consiliatura di Giovanni Di Giorgi, e arrestato nell’ambito dell’inchiesta Olimpia.

Dopo un controllo svolto su un immobile realizzato in via Sebastiano Marino dalla società Costruzioni Generali di cui Riccardo è legale rappresentante, sfociato in un’informativa di reato del 1 aprile scorso al vaglio della Procura della Repubblica, al costruttore sono stati contestati una serie di abusi edilizi.

In particolare Riccardo è accusato di aver ampliato abusivamente nel piano interrato della palazzina la superficie e di aver realizzato opere e ambienti come cantine e depositi provvisti di impianti idrico-sanitari, con maiolicatura delle pareti, spazi dunque abitabili.

L’imprenditore è inoltre accusato di aver trasformato in appartamenti due locali sottotetto, rimuovendo la controsoffittatura.

Al momento del sopralluogo i manufatti non erano ultimati tranne uno, che risultava anche arredato.

Il Comune di Latina ha così ora ordinato a Riccardo di demolire entro novanta giorni le opere abusive e di ripristinare lo stato dei luoghi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social