“Scegliere in tema di rifiuti”. La posizione del Partito Democratico

“Scegliere in tema di rifiuti”. La posizione del Partito Democratico

Il PD  ritiene necessario fare delle scelte in tema di rifiuti e in particolare occorre, sulla base del piano regionale, rendere completa la dotazione di ciascun Ato in termini di impianti e di siti. È necessario scegliere un sito di stoccaggio della frazione secca dei rifiuti non più riciclabili dopo il trattamento presso gli impianti T.M.B. (Trattamento Meccanico Biologioco). In sostanza i rifiuti che si producono a casa, eliminati la parte che viene differenziata e l’umido, vengono conferiti agli impianti TMB che separano ulteriormente il rifiuto e producono combustibile per termovalorizzatori. La parte secca che residua non è più riciclabile e deve essere stoccata. Occorre dunque individuare un sito in zona industriale e il PD sostiene e apprezza l’azione del presidente Carlo Medici”. A parlare, attraverso una nota stampa congiunta, il segretario provinciale del Partito Democratico Claudio Moscardelli, i consiglieri regionali pontini Enrico Forte e Salvatore La Penna, il segretario di Latina Alessandro Cozzolino e la capogruppo nel consiglio comunale di Latina Nicoletta Zuliani.

“Successivamente alla conferenza di servizi di inizio febbraio in Regione, il Presidente ha riunito più volte l’assemblea dei Sindaci per affrontare il tema ed adottare una soluzione condivisa. Si tratta di un sito assolutamente privo di ricadute in termini di emissioni o di inquinamento. Il PD è per fare scelte senza demandarle alla Regione che altrimenti sarebbe costretta a fare. Il Presidente della Provincia si è attivato in queste assemblee con i Sindaci anche per organizzare un Consorzio Pubblico di Comuni per realizzare e per gestire un impianto moderno con tecnologia anaerobica per trattare l’umido. Si tratta di impianti di ultima generazione privi di emissioni e in grado di assicurare un trattamento dell’umido senza causare problemi al territorio. Ci sono ipotesi e candidature possibili e questo è elemento positivo di apprezzamento. La chiusura del ciclo dei rifiuti con questa impiantistica sarebbe completo per la Provincia di Latina. Occorre che ciascun ATO (ambito territoriale) sia dotato dell’impiantistica necessaria senza appoggiarsi agli altri ambiti così come ha fatto e continua a fare Roma. In questo contesto il PD ribadisce un punto fondamentale: si conferma l’esclusione dal ciclo dei rifiuti della discarica di Borgo Montello che è chiusa e che deve rimanere chiusa. Unica attività possibile e necessaria deve essere la bonifica. La conferenza dei servizi in Regione per la richiesta di Ecoambiente di riapertura della discarica convocata ai primi di febbraio era già stata preceduta da altra seduta in dicembre in cui la Regione aveva già espresso un indirizzo negativo. Il PD vigilerà perché non ci siano colpi di mano in danno del territorio con tentativi di riapertura anche temporanea. Uno dei motivi per tentare di ‘riaprire’ Borgo Montello è quello di utilizzarlo per sito di stoccaggio degli inerti. A gennaio il PD ha incontrato il vicepresidente Leodori e l’assessore Valeriani per chiarire la posizione su Borgo Montello. Alla conferenza dei servizi posticipata dal 22 gennaio ai primi di febbraio, Provincia di Latina, Comune di Latina e Asl di Latina hanno espresso parere fortemente negativo per ogni intervento diverso dalla Bonifica per Borgo Montello. La Asl, in particolare, ha evidenziato che non si è conclusa la bonifica ed il capping dell’invaso S0, che sembra essere l’elemento alla base dei fenomeni di inquinamento. Necessaria, ai fini di un controllo sanitario ed ambientale efficace, la verifica delle distanza del sito dagli insediamenti abitati. Anche per l’amministrazione provinciale non ci sono condizioni per l’ampliamento, articolando in un preciso elaborato le motivazioni al diniego: insufficienti le condizioni per autorizzare volumetrie anche esaminando i procedimenti di Aia e Via, per i quali sia gli enti territoriali, sia Arpa Lazio hanno espresso pareri condizionati alla bonifica. Prima della conferenza dei servizi ci furono molte prese di posizione contro l’utilizzo di Borgo Montello. Il PD è favorevole all’individuazione anche nel Comune di Latina in area industriale per il sito in questione. Il Comune di Latina ha un’estensione enorme, ha tra le percentuali più basse di raccolta differenziata della Provincia e non può sottrarsi dall’indicare una soluzione. Ci sono aree e siti nel Comune di Latina ricadenti nell’ambito del Consorzio Industriale che possono essere immediatamente destinati allo scopo, determinando così anche la salvaguardia dell’esclusione di Borgo Montello dal tema rifiuti. Se vogliamo essere credibili nel sostenere la non utilizzabilità di Borgo Montello tutti debbono farsi carico di una scelta. Latina in testa ma anche gli altri Comuni, di ogni colore politico, civici, PD, centrodestra. Diversamente, l’indisponibilità a scegliere un’area per il sito di stoccaggio per poi protestare contro un provvedimento regionale di utilizzo di Borgo Montello sarebbe pura demagogia. Ci attendiamo che all’assemblea dei Sindaci dell’11 maggio si adotti una decisione”. 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social