Armi clandestine pronte a sparare e cocaina, oggi l’interrogatorio

Armi clandestine pronte a sparare e cocaina, oggi l’interrogatorio

Oggi l’interrogatorio per i due albanesi trovati ad Aprilia dai carabinieri con droga e armi clandestine e arrestati.

Gli indagati, un 31enne e un 43enne, difesi dall’avvocato Oreste Palmieri, verranno ascoltati dal gip del Tribunale di Latina, Pierpaolo Bortone, che dovrà decidere se convalidare l’arresto compiuto dai carabinieri di Ardea e se emettere per i due una misura cautelare.

Il 31enne e il 43enne sono stati bloccati dai militati della tenenza di Ardea impegnato in un servizio antidroga, che hanno anche denunciato a piede libero un 35enne, anche lui di nazionalità albanese, tutti accusati di concorso nella detenzione illegale di armi da sparo, detenzione di sostanze stupefacenti e ricettazione.

Perquisendo la casa degli albanesi, ad Aprilia, i carabinieri hanno trovato due pistole Beretta detenute abusivamente, una calibro 7,65 denunciata smarrita presso la stazione Carabinieri di Formello agli inizi del mese di febbraio 2020, e l’altra calibro 6,35, non censita.

Le due armi, in ottime condizioni e perfettamente funzionanti, sono state recuperate in un armadio e sotto il materasso di uno dei letti dell’appartamento.

Entrambe le pistole avevano il colpo in canna e i caricatori erano pieni di proiettili.

Nel corso della perquisizione i militari di Ardea hanno inoltre sequestrato 113 grammi di cocaina, un grammo di marijuana, un bilancino di precisione, sostanza per il taglio dello stupefacente, materiale per il confezionamento delle singole dosi di droga e denaro contante, ritenuto provento dell’attività di spaccio.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social