“Poteva pure morire”, “Taci c…”, “Vergognati”: tutte le offese a Zingaretti che rischiano la querela

Il Governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti

L’altro giorno la notizia, battuta anche sulle nostre pagine, del fatto che il presidente della Regione Nicola Zingaretti era guarito dal Covid-19. Notizia diffusa con tanto di video del governatore del Lazio, in cui spiegava anche i “giorni difficili” della febbre alta e della quarantena in famiglia. Ma niente, gli “haters” anche sulle nostre pagine social, hanno preso di mira il numero uno del Lazio.

Non semplici battute, ma offese, e messe in dubbio belle e buone sullo stato di salute di Zingaretti, sul fatto che avrebbe – secondo alcuni commenti – fatto il tampone anche se asintomatico, o se curato presso un’ipotetica e non specificata clinica privata, o peggio alcuni che arrivano addirittura ad augurarne la morte.


Ieri, proprio Zingaretti ha commentato quanto accaduto e le tante offese ricevute, commentando “non si tratta solo di fake news gravissime, ma di una vera e propria campagna denigratoria e di disinformazione che mira a creare notizie false per poi diffonderle ovunque”. Ma vita breve per gli odiatori del web, perché proprio lo stesso presidente del Lazio ha accusato: “Ecco perché denunceremo questi episodi e sporgeremo querela nei confronti di chi usa la disinformazione per fomentare rabbia e odio attraverso insulti e minacce. Tutti i risarcimenti saranno devoluti alla Protezione Civile e alla ricerca pubblica in sanità”.