Coronavirus, nel Lazio 150 posti in più in terapia intensiva. Il ministro: “Modello da seguire”

“I sacrifici che stiamo chiedendo al Paese come la chiusura di scuole, università, limitazioni di attività sportive e delle attività quotidiane, sono legati alla necessità di contenere il più possibile i contagi da Coronavirus e dare il tempo necessario alle Regioni di riorganizzare a livello territoriale le attività di prevenzione, aumentando nello stesso tempo i posti letto dei reparti di terapia intensiva.

La Regione Lazio con l’ordinanza emanata dal Presidente Zingaretti, che dispone un aumento di 150 posti letto per la terapia intensiva, indica una strada e un modello da seguire.


Tutte le Regioni saranno sostenute dalle misure economiche contenute nel prossimo decreto legge che disporrà l’utilizzo delle risorse finanziarie derivanti dall’aumento del rapporto deficit/pil su cui si esprimerà il Parlamento la settimana prossima. Intanto, aver anticipato i provvedimenti territoriali dà il senso concreto dell’attuazione tempestiva delle misure di contrasto agli effetti della diffusione del Covid-19”.

Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, arrivando a Palazzo Chigi per partecipare al Cdm.