Lavoratori Lotto 5, Trano – Segneri: “Grazie al Ministro Azzolina rispettato il diritto al lavoro”

Lavoratori Lotto 5, Trano – Segneri: “Grazie al Ministro Azzolina rispettato il diritto al lavoro”

Leggiamo e pubblichiamo una nota congiunta a firma di Enrica Segneri, portavoce Camera dei deputati comm. XI Lavoro e Raffaele Trano, portavoce Camera dei deputati comm. VI Finanze

“Esprimiamo grande soddisfazione per l’epilogo positivo della vertenza dei lavoratori del “Lotto 5”. Da lunedì 2 marzo, dopo anni di dure battaglie condotte dal Movimento 5 Stelle sempre al fianco dei sindacati confederali, 149 addetti ai sevizi di pulizie ed ausiliariato nelle scuole della provincia di Latina, saranno assorbiti a tempo indeterminato dal Miur. Parliamo di personale che era stato assunto dal raggruppamento temporaneo d’impresa composto dalle ditte Ma.Ca., Servizi Generali e Smeraldo, vincitrice dell’appalto Consip per le province di Latina e Frosinone (poi sollevato e sostituito con una gara – ponte) e rientrante nella procedura selettiva “per titoli” indetta dal ministero ai fini dell’internalizzazione.

E’ finito il tempo dei mancati pagamenti e dei gesti della disperazione che alcuni avevano compiuto pur di essere ascoltati. Abbiamo rappresentato le loro difficoltà nei tavoli presso il Miur, trovando sempre grande disponibilità da parte della ministra Lucia Azzolina e dei suoi predecessori. Sul piano operativo il dirigente della direzione generale delle risorse umane Jacopo Greco ha cercato di superare tutte le difficoltà che di volta in volta si presentavano, opponendosi anche ai ricorsi al tribunale amministrativo che le ditte dell’appaltatore continuavano a proporre pur di non essere estromesse.

L’ultima difficoltà è stata superare l’assenza di tracciabilità di alcune posizioni contributive verificata dall’Inps. Anche questo tassello è stato colmato in virtù di inadempienze nella gestione dell’appalto riscontrate dagli ispettori del Ministero del Lavoro e dagli ispettorati territoriali di Latina e Frosinone. Del resto la Consip aveva provveduto il 30 novembre 2017 alla risoluzione della Convenzione proprio per violazione delle “Condizioni generali” della stessa. Per queste motivazioni il Ministero ha ritenuto che i lavoratori con almeno 10 anni di servizio non dovessero essere penalizzati.

Facciamo dunque gli auguri a coloro che hanno creduto nel nostro impegno di risolvere una situazione dai risvolti drammatici: il Movimento non lascia indietro nessuno! Non saranno più succubi, non è più una promessa ma è la realtà dei fatti, di mancati pagamenti e delle incertezze che negli anni scorsi avevano portato anche a gesti della disperazione. Siamo fermamente convinti che il lavoro è un diritto e non debba usato come forma di ricatto”

You must be logged in to post a comment Login

h24Social