Welfare a Latina, l’assessora Ciccarelli risponde ai consiglieri Calvi e Valletta

'Il lavoro dell’Assessorato al Welfare sta seguendo una precisa programmazione'

Welfare a Latina, l’assessora Ciccarelli risponde ai consiglieri Calvi e Valletta

Vorrei rassicurare i Consiglieri Calvi e Valletta che lanciano allarmi infondati sul lavoro dell’Assessorato al Welfare. Stiamo infatti seguendo una precisa programmazione e un percorso ben prefissato, in coerenza e in sintonia con la Commissione consiliare preposta e con il Comitato dei Sindaci del Distretto socio sanitario LT2“.

Queste le parole dell’assessora al Welfare del Comune di Latina, Patrizia Ciccarelli.

Come ben sanno i Consiglieri comunali, soprattutto quelli presenti in Commissione Welfare, – continua l’assessora – stiamo vivendo una ineludibile fase di profonde trasformazioni del sistema dei servizi alla persona che, come disposto dalla legge regionale n. 11 del 10 agosto 2016 e dal Piano Sociale Regionale, stanno finalmente evolvendo in un sistema di servizi integrato sull’intero territorio distrettuale. Lo spartiacque, determinatosi nell’agosto 2019 con il voto unanime a favore della Convenzione per la gestione associata dei servizi, da parte dei 5 comuni che compongono il Distretto Socio Sanitario di Latina 2, ha comportato una discontinuità netta con le logiche assistenzialistiche del passato, favorendo al contrario un approccio multidimensionale e integrato basato sulla personalizzazione dei servizi e sul necessario corrispondente adeguamento delle procedure. Su questo gli uffici dell’Assessorato sono fortemente impegnati.

L’assessora Patrizia Ciccarelli

È stato fornito al bilancio il conteggio preciso delle risorse necessarie per poter effettuare le procedure tenendo conto:

  • del rinnovo del Contratto Nazionale dei lavoratori delle cooperative sociali nel frattempo intervenuto;
  • della previsione dei costi relativi all’intero organico attualmente presente nel servizio, in non pochi casi superiore a quello fino ad ora previsto nei capitolati d’appalto;
  • della definizione di procedure di affidamento corrispondenti alle specifiche caratteristiche di ogni singola tipologia di servizio come ampiamente discusso in numerose Commissioni Welfare dove, pur non avendo avuto il piacere di raccogliere il contributo dei consiglieri Calvi e Valletta, abbiamo però avuto quello di molti altri commissari che hanno sempre condiviso tale indirizzo;
  • della decisione assunta in Comitato dei Sindaci del Distretto LT2 (anch’essa condivisa in Commissione Welfare) di procedere ad un allineamento delle scadenze dei servizi comunali dei 5 Comuni del Distretto LT2 (Latina, Norma, Sermoneta, Pontinia e Sabaudia) attraverso soluzioni ponte fino al 31/12/2020 in modo da garantire, al primo gennaio 2021, la gestione associata dell’intero sistema dei servizi distrettuali come previsto dalla convenzione sottoscritta la scorsa estate dai 5 Consigli Comunali.

Quindi Calvi e Valletta stiano tranquilli, stiamo lavorando alacremente nonostante l’organico in Assessorato sia assolutamente inadeguato e pertanto  i tempi non siano sempre quelli auspicati. Gli utenti, i loro familiari e gli operatori dei servizi hanno avuto prova in questi anni della nostra presenza e della nostra capacità di governo delle problematiche. Non abbiamo mai abbandonato un tavolo fino a quando anche l’ultimo dei problemi non fosse stato risolto: è stato così nel difficile passaggio di consegne e di personale nell’aprile 2017, nella successiva riorganizzazione dei servizi che hanno fatto un innegabile salto di qualità rispetto al passato, sarà così anche quest’anno”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social