Senza patente e su un’auto che non poteva circolare: beccato, si spaccia per il fratello

Senza patente e su un’auto che non poteva circolare: beccato, si spaccia per il fratello

Continuano i servizi su strada della polizia locale di Cisterna di Latina, che ai controlli a campione delle pattuglie presenti sul territorio hanno ora affiancato le telecamere di lettura targhe. Numerosi i casi emersi durante l’attività di screening, ma di recente due sono stati abbastanza eclatanti.

Nel primo caso protagonista è una donna, sorpresa a bordo di un Fiat 600 già stata sequestrata due volte e mai dissequestrata, nonché non assicurata e né revisionata. La pattuglia ha incrociato i dati delle banche dati scoprendo che il veicolo era stato sequestrato dai carabinieri di Borgo Grappa nel 2015 e, nel 2017, dai carabinieri di Borgo Podgora, in quanto circolante sempre senza assicurazione.

L’auto era stata sequestrata e affidata alla proprietaria (D.M.D. classe 1966) come previsto dalla normativa allora in vigore, la quale però ha continuato a circolare per le vie della città. Si è inoltre scoperto che, a seguito dei due sequestri, il veicolo era stato confiscato ma mai consegnato dalla proprietaria.  

Gli agenti della Municipale hanno pertanto sottoposto il veicolo a sequestro, affidandolo a un deposito autorizzato dalla Prefettura per la definitiva confisca, mentre la donna è andata incontro a una sanzione pecuniaria di 1.988 euro e alla revoca della patente di guida.

Il secondo caso riguarda un automobilista (S.F. classe 1966) sorpreso alla guida di una Smart senza copertura assicurativa, con il mezzo che, da ulteriori controlli, risultava già sequestrato dalla polizia stradale nel settembre del 2017. Nel tentativo di nascondere la verità, il conducente ha fornito agli agenti le generalità del fratello. Peccato per lui che i controlli incrociati abbiano presto fatto emergere la verità. Non solo: sono emerse altre infrazioni. L’uomo, infatti, guidava nonostante la sua patente fosse stata sospesa perché non erano stati svolti gli esami di revisione ordinati dalla Motorizzazione dopo che aveva azzerato i punti dello stesso documento di guida.

Il tentativo di aggirare i controlli gli è costato la denuncia per false generalità a pubblico ufficiale e sostituzione di persona. Reati per i quali dovrà rispondere davanti al giudice. Pesanti anche le sanzioni, che ammontano ad oltre 2.600 euro, con il veicolo sequestrato e avviato alla confisca. Anche in questo caso è prevista la revoca della patente.

“I due casi – ha dichiarato il comandante Raoul De Michelis – sono molto preoccupanti. Stanno emergendo situazioni ad alto rischio che cerchiamo di contrastare professionalizzando i nostri operatori ed attivando le strumentazioni di supporto. Vista la recrudescenza del fenomeno in campo nazionale, il legislatore ha inasprito le norme per chi circola con veicoli non assicurati oppure già sequestrati, prevedendo oltre alla revoca della patente anche la confisca del veicolo. Invitiamo ancora una volta gli automobilisti a verificare che il loro veicolo sia in regola con gli adempimenti, il tutto al fine di garantire la propria ed altrui sicurezza”.

Oltre ai due recenti casi-limite, nell’ultimo mese la polizia locale di Cisterna ha sequestrato 11 veicoli privi di assicurazione ed altri 30 non revisionati.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]