“Acqualatina incapace, sindaci ignavi”: l’intervento dell’associazione La Barba di Giove

“Acqualatina incapace, sindaci ignavi”: l’intervento dell’associazione La Barba di Giove

“Basta un po’ di pioggia e l’acqua non va più giù, per parafrasare una canzoncina famosa. E’ da novembre che la torbidità è diventata nostra compagna di mancate bevute. Mancano interventi strutturali da parte del gestore e la conferenza di sindaci balbetta. Si prospettano interventi puntuali per non affrontare i nodi insoluti”. Lo scrive in una nota, per bocca del referente Beniamino Gallinaro, l’associazione ‘La Barba di Giove’.

“Da questa vicenda che ormai si trascina da 17 anni emerge con forza l’ignavia dei sindaci che si accontentano del singolo intervento ma non affrontano mai il nodo centrale: l’incapacità del Gestore di risolvere l’emergenza idrica che tra scarsità e torbidità ormai ci accompagna da anni.

Nessuno ha mai verificato l’attuazione dei vari piani di emergenza che ci hanno accompagnato almeno a partire dal 2016 o ne abbia proposto una radicale revisione.

Hanno validato una serie di interventi, Campo Pozzi e Cellole, che dovrebbero entrare in funzione come risorsa sostitutiva, sprecando risorse pubbliche. Il tanto decantato Campo Pozzi che sembrava pronto ad entrare in funzione (luglio 2017 secondo Acqualatina) è ancora in fase di monitoraggio per verificare la fattibilità dell’uso dell’acqua emunta.

Sono interventi che vengono usati come acqua di… colonia, per diffondere un momentaneo buon odore e distogliere l’attenzione. Una domanda: ma l’intervento previsto nel piano emergenza 2016 denominato ‘Messa in sicurezza igienico sanitaria e regimentazione idraulica della sorgente di Mazzoccolo/Ricaptazione Sorgente Mazzoccolo che consiste nella realizzazione di una condotta per la sostituzione dell’attuale canaletta a pelo libero situata in un cunicolo sotterraneo e di regimentazione della sorgente per un investimento pari a € 1.560.000’ a che punto è? Un intervento che risolverebbe parte dei problemi che interessano la sorgente.

Un’ultima questione. Tutti gli amministratori puntano il dito sull’eccessiva dispersione idrica, il 72% nel 2018, ma quali proposte in conferenza dei sindaci hanno presentato? Quindi cari amministratori diamoci una mossa o continuerete ad essere complici. Già avete messo in naftalina il processo di ripubblicizzazione del Sistema idrico integrato almeno rendetevi utili nell’affrontare seriamente l’emergenza”.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social