Al Filosi: incontrare il mondo per essere sul territorio

Al Filosi: incontrare il mondo per essere sul territorio

Il viaggio della vita si nutre di incontri e di desiderio di confronto. Anche e soprattutto quando si decide il tuo futuro studiando. Il 16 gennaio nella Sala Primavera dell’IPS Alessandro Filosi di Terracina , alle 15.30, le docenti di lingua inglese Iris Juneia Iannace e Maria Rosaria Pesce hanno accolto esponenti del Comune di Terracina e delle organizzazioni di categoria,  docenti ed altri rappresentanti delle attività ricettive e turistiche del territorio per illustrare i progetti di mobilità internazionale dell’istituto Alessandro Filosi. Mentre in sala scorrevano le immagini delle numerose iniziative già attuate, come il progetto Inbound, grazie al quale sono state accolte in classe, su loro richiesta, due studentesse, Alisha Jones dall’Australia e Sara Panzini dalla Germania , è emerso chiaramente il desiderio di condividere e progettare per intravedere nuove prospettive e collaborazioni.

A breve infatti si attueranno progetti come Gran Bretagna e Francia
a tavola: quest’anno vi sarà per la prima volta la presenza degli chef internazionali Jerome Lebeau da Cabourg e Mark Stoyle da Exeter.
I momenti didattici si alterneranno a momenti di convivialità e le tradizioni culinarie e culturali saranno il punto di incontro e di scambio di reciproche esperienze risultanti dalla collaborazione proficua con il Comitato gemellaggi, il Comune di Terracina e l’AEDE. La nutrita galleria di proposte non è stata, si è ben percepito, solo mero elenco di cose da fare o di cose già fatte: è il disegno di un profilo nuovo per l’attività didattica e formativa. Si impara mettendo alla prova le proprie attitudini e competenze e per fare ciò è necessario parlare la lingua dell’altro, saperlo ascoltare dando di conseguenza, incisività, senso e valore alla propria lingua. In questa prospettiva verranno accolte delegazioni di studenti e docenti dalla Polonia e dall’Ungheria e gli studenti del Filosi saranno ambasciatori del territorio nell’evento del “World rowing Cup 2020 che si terrà a Sabaudia.

Tutto ciò è stato e sarà frutto di intensi rapporti tessuti, con costanza mista a gioia ed entusiasmo, dalle docenti Iannace e Pesce, responsabili delle attività all’estero, sempre incoraggiate dalla dirigente scolastica Annamaria Masci. Sin dall’esperienza di Intercultura, già presentata ad ottobre è stato ancora più evidente che l’accoglienza è contagiosa e genera reciprocità. Per onorare i rapport,i che durano negli anni, con le città amiche di Terracina,quindi, ha già avuto luogo, a novembre, grazie anche al contributo dell’AEDE, una splendida ed intensa visita preparatoria ad EXETER, in gran Bretagna. Al termine di febbraio, poi,  gli studenti del Filosi intraprenderanno uno stage linguistico a Londra e saranno ospitati in famiglia. Sarà poi il loro turno di restituire accoglienza, ospitalità  ai giovani polacchi ed ungheresi: la scuola è sul territorio e per il territorio. Vuole essere parte delle  sue antiche relazioni e tradizioni ed è disponibile ad accogliere stimoli dagli operatori dei vari settori economici per rendere l’educazione una felice arte combinatoria che intravede e crea scenari possibili per gli studenti e per quanti sul territorio lavorano.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social