Torbidità dell’acqua nel sud pontino, da Formia le accuse ad Acqualatina

Riceviamo e pubblichiamo la nota a firma del consigliere comunale di Formia Christian Lombardi, che con dovizia di particolari, sottolinea presunte promesse non mantenute dalla società che gestisce il servizio idrico e dei problemi che continuano a persistere nel sud pontino riguardanti la torbidità dell’acqua.

“I recenti e persistenti avvenimenti di torbidità dell’acqua e l’ancor più drammatica scoperta di presenza di batteri risultanti dall’analisi della ASL pongono nuovamente, dopo le drammatiche giornate dell’estate 2017, l’attenzione della cittadinanza del Sud Pontino sulle capacità del gestore idrico.


Capacità di cui molti Sindaci sono convinti in termini di assioma, altri, con dovizia di particolari e documenti alla mano, contestano sino ad essere catalogati da alcuni come … populisti!

Christian Lombardi in consiglio comunale insieme a Rossana Berna, Giovanni Costa e Simone Troisi

Tra un assioma ed una contestazione, la capacità, o meglio la manifesta incapacità del Gestore Idrico è all’evidenza di tutti; quanto mai tangibile, oggi, visto che l’acqua che esce dai nostri rubinetti (ma anche quella messa a disposizione della cittadinanza da Acqualatina nelle autobotti sostitutive) risulta di colore gialla/marrone; parimenti tangibile lo era, nell’estate del 2017, allorché l’acqua non usciva proprio da quegli stessi rubinetti.

Segni evidenti di una manifesta incapacità che Acqualatina continua a celare dietro risibili scuse, dimentica delle affermazioni e vane promesse rese nel corso degli anni.

Ieri la mancanza d’acqua era colpa della siccità, oggi la torbidità è conseguenza delle piogge insistenti.

Scuse o verità, più o meno fondate?

Più di tante parole o contestazioni che lascerebbero il dubbio sulla bontà o meno dell’operato del Gestore, o sulla faziosità, ma anche del populismo (così direbbe qualche testata giornalistica) del sottoscritto, valgano le dichiarazioni che lo stesso Gestore, per mezzo dei propri organi amministrativi e tecnici, hanno reso in maniera ufficiale sul problema torbidità.

Valga la lettura delle vane promesse di «risolvere definitivamente il problema della torbidità» (cfr.: Ing. BESSON, Amministratore Delegato di Acqualatina, dicembre 2012),

In calce troverete le dichiarazioni, rese nel 2008 e nel 2012, da Acqualatina all’interno di ben due differenti Consigli Comunali di Formia (quello del 14 gennaio 2008 e del 17 dicembre 2012) su argomenti specifici afferenti l’opera del gestore, ed a seguire le ultime dichiarazioni dimentiche del passato recente rese dall’odierno Amministratore Delegato.

Costanti le giustifiche e le argomentazioni addotte nel tempo (allora come ora) da Acqualatina: “stiamo lavorando”, “è colpa di …”, “ci sono studi insieme all’Università”, “servono investimenti”, ecc. ecc..

Stesse identiche argomentazioni rese ora!

Si direbbe un disco rotto!

Deprimente è soprattutto quel continuo e reiterato riferimento all’Università che se da una parte serve al Gestore a darsi un tono, dall’altro coinvolge e mortifica nella patente incapacità quelle eccellenze che noi tutti riconosciamo esserci nell’Università.

Il reiterarsi dei problemi, la conoscenza e l’incapacità del Gestore si evincono in maniera dirimente e dirompente nelle righe che si riportano in maniera pedissequa.

Pedissequa perché … l’esatto contrario del populismo è la conoscenza.

Pedissequa perché … un popolo ignorante è un popolo facile da ingannare!

Buona lettura.

Avv. Christian LOMBARDI”

A PAGINA 2 I DOCUMENTI IN A CUI SI FA RIFERIMENTO NELLA NOTA