Riscossione dei tributi minori, il servizio sarà esternalizzato

Il consiglio comunale dello scorso 1 marzo

Riscossione dei tributi minori, il servizio sarà esternalizzato. E’ quanto si evince da una nota pubblicata sulla pagina Facebook del gruppo Un’altra città rispetto a quanto deciso in consiglio comunale nella giornata di ieri. Una questione, quella dell’esternalizzazione che già ha portato ad alcune polemiche sul web soprattutto in considerazione della linea portata avanti in campagna elettorale dal sindaco Villa proprio sulla questione tributi.

Il Consiglio Comunale – si legge nella nota di Un’altra Città – ha preso atto di un iter già in essere relativo alla volontà dell’Amministrazione del Comune di Formia di esternalizzare la riscossione dei Tributi Minori. Una presa d’atto del lavoro dell’attuale amministrazione che da alcuni mesi ha posto il focus su tale argomento. La mozione di interesse è stata votata all’unanimità dal Consiglio Comunale attestando la bontà del percorso intrapreso dall’attuale amministrazione.


Di seguito si riporta la mozione:

Il Consiglio Comunale in data odierna 30 dicembre 2019 premesso che:

  • Nel Dup 2019-2021 del Bilancio Comunale è previsto il recupero dell’evasione attraverso un rafforzamento dell’ufficio tributi;
  • Per il recupero credito dei tributi locali, gli enti locali hanno anche la possibilità di esternalizzare questa attività e di affidarla in concessione a società di comprovata esperienza ed alla luce delle nuove normative in totale garanzia per l’Ente, visto che i pagamenti vanno effettuati su un apposito conto corrente intestato allo stesso;

Udita la relazione del sindaco che ha illustrato tutte le criticità emerse in merito alla riscossione dei tributi minori, e ha comunicato altresì al consiglio di aver già incaricato a novembre il dirigente competente di predisporre un’apposita relazione in merito, tendente ad esternalizzare la riscossione dei tributi minori.

Pone a votazione la manifestazione di orientamento con la quale si impegna il Sindaco anche n.q. di assessore al Bilancio e la Giunta di mettere in campo celermente tutte le azioni possibili per valutare, dopo i dovuti studi e controlli da parte del Settore Bilancio e Tributi, l’esternalizzazione del servizio di Affidamento in concessione ai sensi dell’ art. 164 e segg. del codice dei contratti pubblici (Dlgs, 50/2016 e ss.mm e ii.) del servizio di accertamento e riscossione dell’imposta comunale sulla pubblicità, del diritto sulle pubbliche affissioni, della tassa per l’occupazione degli spazi ed aree pubbliche, della Tari giornaliera e per la manutenzione degli impianti per le pubbliche affissioni; anche per garantire un allineamento di tutti i servizi informatici utili alla gestione dei servizi di riscossione”.