Concussione per un fucile da sub, assolte due guardie costiere

Concussione per un fucile da sub, assolte due guardie costiere

Doppia assoluzione perché il fatto non sussiste. Due guardie costiere della Capitaneria di porto di Gaeta sono uscite indenni dal processo davanti al Tribunale di Latina che le vedeva imputate per concussione.

A fronte di una richiesta di condanna a tre anni di reclusione per entrambi gli imputati, il Tribunale di Latina ha assolto Giuseppe Ciano, di Gaeta, e Fabio Zangrillo, di Itri.

Secondo gli inquirenti, i due avrebbero costretto un sub romano, il 59enne F.M., il 22 agosto 2011 a Sperlonga, a consegnare loro la fiocina, contestandogli la pesca in una zona vietata, all’interno del Parco Riviera d’Ulisse, senza neppure fare un verbale di sequestro.

Inutile anche la mezza confessione delle guardie costiere durante le indagini, contestata dal loro difensore, l’avvocato Pasquale Cardillo Cupo.

Il Tribunale ha assolto i due imputati con formula ampia.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social