Città impreparata al maltempo, le proposte del Partito Democratico

Città impreparata al maltempo, le proposte del Partito Democratico

Maltempo, leggiamo e pubblichiamo una nota del Partito Democratico che evidenzia alcune criticità . “Ancora una volta la città è stata ostaggio di vento e pioggia, ormai non è più possibile parlare di eventi straordinari vista la frequenza con la quale si verificano. La sicurezza idrogeologica della nostra città va ripensata alla luce delle trasformazioni climatiche in atto.

La politica ed, in particolare questa Amministrazione, ha il dovere di produrre risposte più efficaci per difendere il territorio e rendere meno pesanti le conseguenze del maltempo. Non si può più rimanere inermi o trincerarsi dietro l’ineluttabilità degli eventi atmosferici, la scarsità delle risorse o le responsabilità del passato. Chi amministra una città ha il dovere di dare risposte, non quello di trovare giustificazioni: la manutenzione e la messa in sicurezza del nostro territorio devono tornare ad essere una priorità, sin dal prossimo bilancio comunale.

Tante sono state le zone della città colpite dall’ultima ondata di maltempo e altrettante le zone che richiedono un intervento immediato. Sicuramente l’ennesimo allagamento di Largo Paone è il simbolo più grave e triste di una città che in troppe occasioni annaspa.

Certamente ci sono problemi strutturali legati alla progettazione e all’esecuzione dei lavori, ma oggi è il tempo di dare risposte, ci sarà modo poi di valutare le eventuali responsabilità politiche e tecniche. Ricordiamo soltanto che il progetto di riqualificazione della piazza, voluta dall’amministrazione Bartolomeo, è stato poi completamente stravolto dall’amministrazione di centro-destra guidata da Michele Forte che ne ha anche curato la realizzazione.

Tutto questo, però, interessa poco chi, ad ogni bomba d’acqua, vede messo a rischio il proprio lavoro e la propria impresa: parliamo di numerose attività che per tre volte in un mese sono state devastate da acqua e fango. La situazione è ormai insostenibile, va affrontata innanzitutto l’emergenza rendendo meno gravi le conseguenze delle prossime precipitazioni e va trovata una soluzione strutturale perché tutto questo non si verifichi più.

Le attività e i cittadini non possono essere abbandonati al proprio destino, i giorni successivi all’ultimo allagamento ci saremmo aspettati, ad esempio, una piazza “presidiata” da tecnici, operai, dirigenti e amministratori comunali alla ricerca di possibili soluzioni.


Il Partito Democratico di Formia è a disposizione per studiare insieme risposte efficaci, ma chiediamo all’amministrazione Villa un maggiore impegno nella manutenzione della città e di accogliere queste nostre proposte:
• L’istituzione immediata di una commissione tecnica che sin da subito provveda ad analizzare e a fornire soluzioni per affrontare le criticità di Largo Paone sia nel breve che nel lungo periodo
• L’invio preventivo dei mezzi per l’autospurgo ogni volta che sia prevista l’allerta meteo nelle zone più a rischio della città. Durante l’ultimo allagamento i mezzi per il drenaggio dell’acqua sono arrivati solo quando la piazza era già completamente sommersa.
• Prevedere un piano di rimborsi per tutte le attività che hanno subito i danni più gravi durante l’ondata di maltempo attraverso contributi diretti o sgravi sulle imposte comunali.
• L’inserimento nel prossimo bilancio comunale di un programma di investimenti annuali su tutte le aree della città con criticità idrogeologiche.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social