Violenza nel centro per migranti, Forza Nuova torna a criticare il sistema di accoglienza

Violenza nel centro per migranti, Forza Nuova torna a criticare il sistema di accoglienza

Nei giorni scorsi un pakistano di 26 anni, beneficiario di protezione sussidiaria e ospitato in un appartamento di Latina gestito da una cooperativa che si occupa dell’accoglienza di migranti, è stato protagonista di un aggressione brutale ad un altro ospite della struttura. La vittima è rimasta gravemente ferita al volto (ricoverato con una prognosi di 40 giorni per diverse fratture scomposte alle ossa nasali e orbitali). In seguito al ricovero sono state accertate le violenze commesse dal pakistano nei confronti degli altri ospiti della struttura di accoglienza. Circostanze che hanno portato il coordinamento provinciale di Forza Nuova a stigmatizzare nuovamente il “sistema di accoglienza incondizionata” dei migranti.

“È un grave problema quello dell’odierno modo di fare accoglienza, in quanto non ci si accerta minimamente delle persone che vengono ospitate sul nostro territorio”, dicono dal partito d’ultradestra attraverso una nota. “Tra i molti richiedenti asilo ci sono infatti numerosi casi di persone ad alta pericolosità. Aggiungiamo inoltre che il modello proposto dalle cooperative, ovvero quello di lasciare bivaccare queste persone non è sicuramente il modello adatto in primis per un’integrazione, in secondo luogo per la sicurezza dei cittadini. Ciò che è accaduto all’interno della struttura poteva svolgersi benissimo al di fuori con esiti ben peggiori. Poteva essere vittima di un tale energumeno anche un concittadino, una donna, un ragazzo o una ragazza! Noi di Forza Nuova siamo da sempre contrari a questo modello di accoglienza indiscriminata e pretendiamo immediatamente che si possa avviare un procedimento di espulsione verso il pakistano e che vengano attuati accertamenti nei confronti della cooperativa, complice di tutto questo”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social