Fatta prostituire e poi ammazzata di botte: due condanne

Fatta prostituire e poi ammazzata di botte: due condanne

Condannata la coppia accusata di aver costretto Gloria Pompili, 23enne di Frosinone, a prostituirsi e di averla alla fine uccisa a forza di botte.

La Corte d’Assise del Tribunale di Latina ha condannato a 24 anni di reclusione la 40enne Loide Del Prete, zia della vittima, e il compagno Saad Mohammed Elesh Salem, 24enne di nazionalità egiziana.

Assolto invece Mohamed Mohamed Hady Saad, il 29enne marito di Gloria e fratello di Elesh Salem, accusato soltanto di maltrattamenti in famiglia e sfruttamento della prostituzione.

La vittima sarebbe stata costretta a vendere il proprio corpo tra le pareti domestiche, lungo l’asse attrezzato di Frosinone e sulla Nettunense, tra Anzio e Nettuno.

Dopo aver subito l’ennesimo pestaggio, mentre la zia e il compagno di quest’ultima la riaccompagnavano in auto a casa, sulla Monti Lepini, nel territorio di Prossedi, il 23 agosto di due anni fa la ragazza venne colta da malore e spirò sotto gli occhi dei figli di 3 e 5 anni che erano con lei.

Tra novanta giorni la Corte d’Assise del Tribunale di Latina depositerà le motivazioni della sentenza.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]