Formia, l’amministrazione ha partecipato alla giornata contro le barriere architettoniche

Formia, l’amministrazione ha partecipato alla giornata contro le barriere architettoniche

“È con moderata soddisfazione che l’amministrazione Villa quest’anno può partecipare, idealmente e fattivamente, alla giornata dedicata al tema dell’abbattimento delle barriere architettoniche”. Lo ha detto in una nota inviata domenica mattina Paolo Mazza, assessore all’Urbanistica, Patrimonio e Demanio Marittimo del Comune di Formia

“Quest’anno, infatti, arriviamo a questa giornata con la consapevolezza che, dopo decenni dalla prima legge (la prima risale al 1986 poi aggiornata nel 1992 con la nota legge 104) che ha previsto l’obbligo per i Comuni di dotarsi del PEBA (acronimo che sta per piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche) si è finalmente compiuto un passo concreto e operativo nella direzione auspicata dal legislatore e colpevolmente ritardata dagli amministratori.

Il PEBA è uno strumento di programmazione complesso e pluriennale che deve prevedere azioni, interventi e norme finalizzate ad eliminare le barriere architettoniche dagli immobili e spazi pubblici e indicare le necessarie correlate risorse economiche.

Si tratta di un Piano che deve essere esteso a tutto il perimetro cittadino e che, pertanto, è particolarmente oneroso (di qui, verosimilmente, la poca diffusione a livello regionale se non nazionale) non solo a livello ricognitivo/progettuale ma anche e specie economico in quanto la norma impone, come già accennato, che siano indicati i mezzi finanziari con cui si andranno a realizzare gli interventi di abbattimento progettati e previsti.

Ciò per evitare che il Piano si degradi ad una mera enunciazione di intenti, un Piano cioè privo di efficacia.

Ed è per questo che l’amministrazione comunale di Formia, prima su suggerimento della Giunta e poi su indirizzo del consiglio comunale, ha deliberato di utilizzare l’opportunità dei finanziamenti concessi con la cosiddetta legge Fraccaro per realizzare un primo sperimentale PEBA, calato su un perimetro circoscritto che, nelle intenzioni, sarà un’area pilota da replicare, alle altre parti di città mano a mano che si reperiranno le necessarie risorse economiche.

Anche sul Piano del metodo – continua l’assessore Mazza – questo primo PEBA sarà l’occasione per implementare – su un tema specifico ma di grande interesse e valenza quale quello delle barriere architettoniche – un percorso partecipato dal basso al fine di favorire la più ampia condivisione e concertazione con i portatori di interesse, in generale, e in particolare con la Consulta comunale ad essa dedicata, con il mondo dell’associazionismo e del volontariato dai quali sicuramente si attingeranno i contributi più qualificati, dettagliati e nobili.

È intenzione infatti dell’assessorato all’Urbanistica istituire un tavolo di steholder attorno a cui riunire, oltre che la rete delle associazioni di volontariato (e qui sarà opportuno e utile coinvolgere l’assessorato al welfare), i collegi e gli ordini professionali, gli operatori di attività produttive, i gestori dei servizi pubblici e della sosta, per affrontare congiuntamente il tema dell’abbattimento delle barriere non solo architettoniche ma anche culturali che si frappongono quali ostacoli ad una città che deve essere di tutti, inclusiva, accogliente e confortevole.

E quindi dall’assessorato un buon 6 ottobre 2019, una buona giornata senza barriere, senza recinti, senza solitudini”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social