Ancora un finanziere pontino suicida. Trano vuole portare la sequela all’attenzione nazionale

Ancora un finanziere pontino suicida. Trano vuole portare la sequela all’attenzione nazionale

Ancora un suicidio, a scuotere il Sud pontino. Ed ancora di un militare appartenente alla guardia di finanza. Il terzo in poco più di un anno.

A togliersi la vita, questa volta, un 35enne di Gaeta, finanziere presso il Primo Gruppo di Bologna. Il dramma si è consumato mercoledì pomeriggio a Castenato, comune alla periferia del capoluogo emiliano: secondo le ricostruzioni il militare, G.F. le sue iniziali, l’ha fatta finita con la pistola di ordinanza, mentre era all’interno della propria auto, parcheggiata sotto casa. Il decesso, è sopraggiunto a margine del ricovero in gravissime condizioni presso l’ospedale Maggiore.

Solo il 17 settembre, un maresciallo di Formia di 43 anni si era tolto la vita presso il comando provinciale delle Fiamme Gialle di Cremona. Nel settembre dello scorso anno, invece, si era suicidato un 38enne finanziere di Gaeta in servizio a Bologna.

Esprimendo profondo cordoglio per la scomparsa del 35enne venuto a mancare mercoledì, “valente militare e mio personale amico”, il deputato gaetano del Movimento 5 Stelle Raffaele Trano ha annunciato di voler portare la questione in parlamento: “Non posso sottacere il mio sconcerto per la perdita di due finanzieri di Gaeta a distanza di pochi mesi, entrambi operanti a Bologna. Nei prossimi giorni porterò il caso all’attenzione del parlamento e dell’Osservatorio nazionale per i diritti e la salute dei militari e delle forze dell’ordine”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]