Il 5 settembre a Itri la Giornata diocesana dei Ministranti 2019

Il 5 settembre a Itri la Giornata diocesana dei Ministranti 2019

Organizzata dall’Ufficio diocesano per la pastorale vocazione e dai seminaristi dell’arcidiocesi di Gaeta, in particolare dai due giovani sacerdoti responsabili del settore, don Giuseppe Marzano e don Alessandro Corrente, giovedì 5 settembre 2019 si terrà la Giornata Diocesana dei ministranti presso il Santuario della Madonna della Civita (Itri).

Si inizia nella prima mattinata, alle ore 10 e si conclude nel primo pomeriggio alle ore 15,30. All’incontro di tutti i ministranti sarà presente l’arcivescovo di Gaeta, monsignor Luigi Vari, che alle ore 11 presiederà la celebrazione eucaristica nel Santuario della Civita.

“Si tratta di una giornata improntata alla spiritualità, alla liturgia e alla fraternità tra i vari ministranti, quasi tutti giovanissimi, maschi e femmine, che normalmente svolgono il loro servizio nelle rispettive comunità parrocchiali – precisa padre Antonio Rungi, vice-superiore della comunità passionista della Civita – dando maggiore decoro alla celebrazione delle sante messe e alle altre funzioni liturgiche, su cui si impegnano con competenza e professionalità i piccoli, i giovani e gli adulti che sono a servizio della liturgia e dell’altare”. 

In tutta la diocesi sono alcune centinaia i ministranti, che in alcune parrocchie rappresentano un folto gruppo di ragazzi e giovani che aiutano il parroco e i sacerdoti per una decorosa e degna celebrazione della liturgia, molto ben curata, dove maggiore e qualificata è la presenza, resa tale mediante specifici corsi di formazione. La giornata di giovedì si colloca appunto in questa ottica e prospettiva come un qualificato momento formativo dei ministranti dell’arcidiocesi di Gaeta.

“Davanti all’immagine della Madonna della Civita e alla scuola – dice padre Rungi – la vera e perfetta ministrante a servizio di Cristo e della parola di vita, i giovani ministranti della nostra arcidiocesi hanno molto da apprendere come si serve, anche nella semplicità e nell’essenzialità di un compito liturgico, il Signore, nella celebrazione della santa messa e nelle varie altre liturgie che si celebrano nelle chiese e nello stesso santuario mariano di proprietà dell’arcidiocesi di Gaeta, affidato dal 1985 ai Passionisti che tuttora lo guidano da un punto di vista spirituale. Per i giovani ministranti -conclude padre Rungi – ci sono tutti i tempi e gli spazi per vivere una giornata densa di spiritualità ai piedi di Maria e con la guida dei sacerdoti e del pastore dell’arcidiocesi”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]